Per una donna il matrimonio è il giorno sognato e desiderato, e quando arriva si vorrebbe che tutto fosse perfetto. Jaquie però era triste: non avrebbe potuto camminare a fianco di suo padre, perché costretta da otto anni su una sedia a rotelle. Ma...

Questa è una storia d'amore, ma è soprattutto una storia di determinazione e di forza di volontà, che dimostra ad ognuno di noi come, se si desidera davvero qualcosa, si debba lottare con tutte le proprie forze per ottenerla, anche se le condizioni sembrano avverse o, addirittura, impossibili.


Credits 

La donna nella foto si chiama Jaquie Goncher, e qui appare raggiante nel giorno del suo matrimonio. Ma dietro questo sorriso dolce si celano molte lacrime. 

A 17 anni ebbe un brutto incidente in piscina: Jaquie rimase paralizzata, condannata a restare su una sedia a rotelle per il resto della sua vita. I dottori dicevano che non avrebbe mai più potuto camminare. In effetti, ogni volta che provava ad alzarsi, o a fare degli esercizi, Jaquie, con rabbia e dolore, doveva constatare che nelle sue gambe non c'era vita. Era paralizzata dalla vita in giù, irrimediabilmente.


Credits

Poi Jaquie ha conosciuto Andy e i due hanno deciso di sposarsi. Lei era felice, ma anche un po' triste: non avrebbe potuto camminare lungo la navata della Chiesa al fianco di suo padre, come ogni sposa. Avrebbe dovuto avanzare sulle ruote della sua carrozzina, sulla quale ormai stava da ben otto anni.

Ad un certo punto però qualcosa è scattato dentro di lei. Non voglio, si è detta! Non voglio che il mio giorno più bello trascorra così. Voglio camminare.


Credits 

Jaquie si è messa a lavorare sodo: oltre a tutti gli altri preparativi usuali per delle nozze, si è allenata, ha fatto fisioterapia, è tornata in piscina. Un passo dopo l'altro, superando lo sconforto nel sentirsi tanto debole, con un unico obiettivo: rendere il suo giorno più bello davvero indimenticabile.

Così, il 22 maggio del 2016, Jaquie è arrivata sul luogo della cerimonia. Indossava un bellissimo abito color pesca e aveva dei riflessi blu tra i capelli, a ricordare la sua passione per il nuoto. Si è fermata in fondo alla navata, guardando Andy. Poi, si è alzata in piedi.


Credits 

Ha sorpreso tutti! Nessuno degli invitati sapeva niente, e le lacrime di commozione sono fluite spontaneamente. Passo dopo passo, Jaquie ha raggiunto il suo sposo, anche lui in un mare di lacrime. Non si aspettava un regalo del genere per il suo matrimonio!


Credits

Fino a poco tempo prima, la ragazza non riusciva nemmeno ad alzarsi, o a stare eretta per più di 30 secondi. Il giorno delle sue nozze è rimasta in piedi per 45 minuti, fino al fatidico sì. E non è tutto! Ha ballato con Andy, per la prima volta.


Credits 

Jaquie ora è intenzionata a proseguire con la riabilitazione. Sa che sarà dura, perchè si rende conto che è quasi un miracolo che lei sia di nuovo in piedi. Ma ora ha un valido sostegno: suo marito, il suo bastone, come lo ha definito lei.

"Non ho mai perso la fede, ho creduto di potercela fare e ce l'ho fatta!" ha detto Jaquie, la cui storia ha fatto il giro del web. Un insegnamento che nessuno di noi dovrebbe mai dimenticare.


Credits