Oggi, 29 Luglio 2015, si celebra uno degli animali più affascinanti di sempre: la tigre.

La tigre è molto ammirata per la sua maestosità, eleganza, agilità… Ma tutte queste caratteristiche non bastano per evitare a questa specie di estinguersi.

L’uomo è la principale causa della diminuzione degli esemplari perché, tramite le sue deplorevoli azioni, ha permesso che questa specie animale iniziasse il procedimento di estinzione: la continua ricerca delle pelli e di altre parti del corpo di questo animale, infatti,  lo rendono una preda ambitissima, ma non finisce qui perché l’uomo compie migliaia di azioni disboschive togliendo agli animali il loro habitat naturale. L’uomo ha già eliminato più del 93% dei boschi riducendo questa specie a vivere in piccole zone per lo più nel sud dell’Asia e della Cina. Il luogo di maggior concentrazione delle tigri selvatiche è il Bhutan, il piccolo stato asiatico, perché è composto per più del 70% da foreste. Eppure anche qui c’è una forte presenza di bracconieri.

Non solo la mano umana danneggia l’habitat, ma anche gli agenti climatici come ha dimostrato uno studio del WWF secondo cui l’innalzamento del livello del mare ed i molteplici cambiamenti climatici potrebbero contribuire a distruggere l’habitat naturale delle tigri selvatiche.

Ormai circa il 97% degli esemplari della specie sono ormai andati perduti e rischiano la totale estinzione entro 5 anni.

Durante il Summit sulla Tigre tenutosi nel 2010 a San Pietroburgo, i 13 Paesi presenti (Bangladesh, Bhutan, Cambogia, Cina, India, Indonesia, Laos, Malesia, Myanmar, Nepal, Russia, Thailandia e Vietnam) si sono posti l’obbiettivo di raddoppiare il numero di esemplari presenti sul territorio entro il 2022 ed il WWF farà in modo di affiancarli durante tutto il periodo.

A seguito di tutti gli studi effettuati, è sorta l’idea di dedicare un’intera giornata a questo bellissimo ed affascinante animale e creare appunto il Tiger Day con lo scopo di sensibilizzare le persone di tutto il mondo alla salvaguardia della natura e, di conseguenza, degli animali che li popolano.

Se solo l’uomo si rendesse conto che la Natura rende ciò che riceve, eviterebbe moltissime azioni irrispettosi nei suoi confronti ed, in fondo, nei confronti di se stesso…