Monika Malek è una fotografa che da anni porta avanti con passione un progetto, per dimostrare e provare che nonostante la disabilità, un gatto continua ad essere una creatura meravigliosa. I suoi scatti fotografici immortalano felini di tutte le razze e di ogni età nella loro quotidianità, e mettono in risalto quanto sia sbagliato l'atteggiamento che alcuni hanno nei loro confronti nel considerarli "anormali". Mostrano quanto nonostante siano ciechi, sordi, senza coda o affetti da leucemia riescano a condurre una vita serena se chi si prende cura di lui lo fa con amore e senza paura.

Qualsiasi menomazione o limitazione un gatto possa avere lui continuerà a saltare, a fare le fusa, a miagolare, a buttare a terra gli oggetti che trova sulla nostra scrivania, a guardare fuori dalla finestra, ad infilarsi nelle scatole, a lavarsi, proprio come fanno tutti i gatti. L'incapacità è uno stato d'animo: il gatto non pensa che non riuscirà a seguire il proprio istinto e se vuole saltare lo fa anche senza una zampa.

 Il mio nome è Ambra, ho un anno e due mesi. Non ho un occhio, ma sono ancora un gatto

 

Il mio nome è Ficus e ho 5 anni. Non ho una zampa, ma sono ancora un gatto

 

Il mio nome è Marcell e ho 8 anni. Ho la leucemia ma sono ancora un gatto

 

Il mio nome è Cmyx, ho 5 anni e sono sordo. Sono ancora un gatto

 

Il mio nome è Keiko e non ho una zampa, ma sono ancora un gatto

 

Il mio nome è Rapidka e ho due anni. Ho perso un occhio ma sono ancora un gatto

 

Il mio nome è Lulek e ho due anni. Ho le zampe anteriori corte ma sono ancora un gatto

 

Il mio nome è Rufus e ho un anno. Sono senza coda ma sono ancora un gatto