Questa è la commovente storia di Palla , una cagnolina che è stata quasi decapitata con un laccio di nylon che qualcuno gli aveva legato stretto al collo, a dimostrazione che la cattiveria umana non ha limiti.

Il cane è stato trovato da alcuni animalisti ad Oristano a appena i veterinari della clinica Duemari l'hanno ricoverato non sono nemmeno riusciti a capire di che razza fosse perché il sangue della povera bestiolina non defluiva e di conseguenza il muso si era gonfiato a dismisura. Da qui il nome Palla. Fortunatamente la canina migliora giorno dopo giorno ed è diventata star della televisione e di Internet.

 

 

I veterinari hanno commentato: “Aveva un cappio di nylon al collo così stretto che le aveva segato la cute e il muscolo fino a farle gonfiare la testa a dismisura. E a sfigurarla”.

La sua storia, assurda e crudele, ha fatto il giro del web . Ha emozionato e soprattutto indignato le coscienze di molti italiani. In tanti si sono mobilitati per aiutarla e per lei c'è già una lunga lista di persone pronte ad accoglierla nella loro casa.

Inoltre, sono già arrivati gli sciacalli e i veterinari ci tengono a precisare che non esistono collette per Palla: “Continuiamo a ricevere informazioni relative a ‘raccolte’ o ‘lotterie’ per la raccolta di fondi per Palla. Si tratta di truffe e truffatori ben noti. Non abbiamo attivato alcun sistema di raccolta di denaro”.

 

 

Per seguire il bollettino medico di questa cagnetta potete dare un'occhiata alla pagina Facebook della clinica, QUI.

Di seguito un video in cui si racconta la situazione di Palla dalla dottoressa Monica Pais:

 

Non è possibile visualizzare questo media terze parti senza prima aver prestato consenso all'uso dei cookie Clicca qui per vedere il video o l'elemento multimediale incorporato