Gli studiosi affermano che stringersi la mano è un gesto comune nella storia e nelle varie culture, che simboleggia un’unione pacifica tra persone disarmate. Ma esiste una causa biologica di questo comportamento? Sembrerebbe di sì. Infatti, dopo aver stretto la mano a qualcuno, senza rendercene conto   noi… annusiamo una delle nostre.

È quanto emerge da uno studio israeliano, che ha filmato alcune persone a loro insaputa. Dopo la stretta di mano iniziale, è stato analizzato il loro comportamento, mentre degli strumenti misuravano il flusso d’aria che raggiungeva il loro naso. È emerso che:

  • se la stretta di mano avviene tra persone dello stesso sesso, si tende ad annusare la propria mano destra (quella che è stata stretta);
  • viceversa, se la stretta avviene tra persone di sesso opposto, si tende ad annusare la propria mano sinistra (che non è stata stretta).

Questa ricerca, come altre svolte in passato, suggerisce che gli esseri umani usano segnali chimici per trasmettere informazioni, e annusare l’aria dopo aver stretto la mano potrebbe essere il nostro modo di cercare questi segnali chimici. Essi, infatti, giocano un ruolo importante nella nostra vita, ad esempio nella selezione del partner.

Insomma, potremo pure decidere in che modo stringere la mano agli altri, ma non possiamo controllare le informazioni olfattive che accompagnano questo gesto. Sempre meglio, però, che cercare indizi dal didietro come i nostri amici a quattro zampe!