I 5 sensi catturano i ricordi di ognuno in modo indelebile! Una canzone, uno specifico sapore, un oggetto, un profumo… L’olfatto, ad esempio, gioca un ruolo fondamentale in questo processo.

 “Nulla sveglia un ricordo quanto un odore”  Victor Hugo

Quante volte capita di sentire un odore e ritrovarsi immersi con la mente in un momento particolare della propria vita? I ricordi diventano talmente realistici che chiudendo gli occhi sembra di riuscire a percepire il contesto nel quale sono stati vissuti determinati istanti. Questo processo è soggettivo ma esistono alcuni odori che sono sicuramente comuni a molti e l’infanzia è uno dei momenti i cui ricordi sono fortemente legati all’ olfatto.
Ripensando alla fanciullezza, raccogliendo informazioni nel web e “intervistando” una decina di soggetti, ho identificato 6 odori caratteristici di quel periodo della vita che penso metteranno d’accordo molte persone!

  1. Le pagine dei libri nuovi. I testi appena comprati avevano un profumo particolare, si portavano a scuola e anche se trascorrevano i mesi sembravano essere sempre stati stampati sul momento. La tecnologia odierna utilizza il digitale sempre più frequentemente anche per i testi scolastici, perciò probabilmente le nuove generazioni non accosteranno in futuro l’odore dei libri ai propri ricordi d’infanzia…
  2. Il caffè. Questo aroma è spesso legato alla colazione delle mamme o delle nonne. Di prima mattina preparavano questa bevanda con la classica moka, lasciando fuoriuscire un profumo inebriante che si poteva percepire benissimo anche fuori dalla porta di casa!
  3. Le bambole. L’odore del materiale utilizzato per produrre il corpo e i “capelli” di questi giocattoli era molto particolare, quasi “fragoloso”! Provate a giocare oggi con una bambina e con le sue bambole, sicuramente nel sentire quell’ odore non potrete fare a meno di viaggiare con la mente verso i ricordi della vostra infanzia. 
  4. Il profumo. La fragranza utilizzata in particolare dalla mamma risulta essere quella che lega indelebilmente al passato. Quel profumo è oggi percepibile anche ad una lunga distanza, l’olfatto non può fare a meno di ricercarlo e di identificarlo all’ istante!
  5. Il pranzo della domenica. L’ultimo giorno della settimana è quello che comunemente nella tradizione riunisce la famiglia. Soprattutto nel passato era il giorno di riposo che permetteva di pranzare tutti insieme. Molti parlano del "sugo della domenica" ma ogni famiglia ed ogni regione dell'Italia possiede tendenzialmente un piatto tipico!
  6. L’erba bagnata. E' il classico odore dei temporali estivi, questo profumo ricorda i giochi in cortile che spesso causavano più di una sbucciatura alle ginocchia e molti lavaggi ai vestiti per togliere le macchie! :-)

I sei esempi elencati, ovviamente sono solo alcuni degli innumerevoli odori comunemente legati all’ infanzia ma questo mondo è vastissimo e particolarmente soggettivo... Sarebbe bello riuscire a raccogliere le testimonianze di tutti per stilare un elenco molto più lungo e curioso!