Spesso non ci rendiamo conto del potere del sorriso, del sorriso sincero intendo, non di quello smagliante, denti bianchi e perfetti, ma di quello che cambia l’umore, di quello che ti allinea la giornata, di quello che ti spalanca le porte.

È capitato a tutti di imbatterci in un sorriso come questo, incoraggiante, convincente, penetrante, un sorriso che ci è stato favorevole in un momento buio, un sorriso che non ci aspettavamo, conosciuto o estraneo, un sorriso che è stato più eloquente di un discorso articolato.

Un sorriso parte e, a sua insaputa, percorre una strada nascosta e va dritto a bucare veli di malinconia invisibili agli occhi.

Altre volte si piazza in un angolo di cuore e lo riporta a nuova fioritura, altre ancora ci dona la bellezza di un momento, ma è un momento che dà inizio alla giornata, anche se già volgeva al tramonto.

Sì, il sorriso ha il potere di cambiare l’umore, ha la forza di far reagire chi lo riceve, ha la potenza di portare luce sui volti di chi lo dona e di chi lo riceve.

Il sorriso regala attimi puri di comprensione tra le parti, dolcezza, serenità e momenti di umanità.

Possiamo diventare veicolo di buoni sentimenti, possiamo fare noi il primo passo verso gli altri, abbiamo il dovere di provare a dare inizio alla catena del sorriso.

Un sorriso donato ne fa nascere subito un altro (anche se impercettibile talvolta) e un altro a sua volta.

L’ultimo nemmeno sapremo dove sarà nato, in quali labbra sarà sorto, non sapremo mai chi avrà allietato.

E per quanto mi riguarda, non mi interessa saperlo.

Io regalo sorrisi, a prescindere!

E tu? Regala sorrisi al mondo e il mondo ti restituirà altra bellezza che non vedrai mai. Ma non è importante vederla, è importante saperla.

Elisa Irene Anastasi