Dichiarata dall' Unesco patrimonio dell'umanità, si trova a valle della regione montuosa di Edom,  circa a 250 chilometri a Sud di Amman, la capitale della Giordania.

Interamente scavata nella roccia, i colori di questa città nonché sito archeologico, sfumano dal giallo ocra al rosso fuoco con variazioni cromatiche,
intervallati da strisce verdi e azzurre.

Fondata oltre 2.000 anni fa dalla civiltà dei Nabatei, è stata una città ricca e florida ed  ha rappresentato il fulcro del commercio della seta, incenso e delle spezie, grazie alla sua posizione strategica.

I monumenti scavati nella roccia rispecchiano la diversità culturale e artistica dovuta ai tempi in cui Petra era un centro commerciale internazionale.

Da visitare le tombe reali,il teatro romano riconoscibile dalla struttura a semicerchio con gradinate e il Tesoro del Faraone.
Maestoso edificio ricavato da una parete rocciosa di colore rosa chiaro, costruito per ospitare la tomba del re.

La leggenda vuole che all’ interno dell’urna posta alla sommità di tale edificio fosse contenuto il tesoro.

Le Tombe Reali sono scavate nella roccia caratterizzata da sfumature che vanno dal blu al rosso.

Alla sommità della montagna di Petra si trova localizzato il Monastero Al-Deir, il monumento più grande della città, la cui facciata è totalmente intagliata nella roccia.

Maggio/Giugno e Settembre/Ottobre sono i periodi migliori per visitare e apprezzare le meraviglie di questa città.