Con la stagione estiva arrivano i giorni davvero caldi, insopportabilmente caldi. Ed allora si chiede aiuto al condizionatore per rinfrescarci un po’…o, quantomeno, per non svenire!

Ma qui iniziano anche le note dolenti perché, con la frescura del condizionatore, arrivano anche le bollette… e quelle sì che scottano!

Qualcuno, però, corre in nostro aiuto per evitarci spese davvero salate; si tratta dell’Enea, cioè l’Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.

Questo ente è presente sul territorio italiano con 9 sedi e 2700 dipendenti; la sua occupazione principale consiste nella ricerca e nella concessione di servizi ai consumatori, che siano essi privati, enti pubblici o imprese. Il campo di azione dell’Enea è l’energia con i suoi consumi e le relative fonti rinnovabili che può studiare e sperimentare grazie ai suoi numerosi laboratori ed agli avanzati impianti per verificare l’impatto ambientale e sulla nostra salute.

Dagli studi di questa società nasce, come aiuto per il consumatore, un “piano” costituito da 10 suggerimenti al fine di contribuire ad un basso consumo energetico e, di conseguenza, per aiutare il cittadino a risparmiare sulla bolletta.

Vediamo nel dettaglio le 10 regole che ci permetteranno di rinfrescarci risparmiando:

  1. fare attenzione alla classe energetica del condizionatore preferendo quelli di Classe A che costano di più, ma offrono consumi ridotti;                                                
  2. preferire l’inverter perché adegua la potenza alla necessità effettiva evitando di accendersi e spegnersi spesso;
  3. ricordarsi dell’”Ecobonus” o del “Conto Termico”, ovvero incentivi concessi nel caso della sostituzione totale o parziale dell’impianto. In sostanza, nel caso dell’Ecobonus si tratta di una detrazione dell’Irpef pari al 65% e sarà fattibile fino al 31 dicembre 2015, mentre nel caso del Conto Termico ci si basa sulle dimensioni dell’impianto di condizionamento;
  4. prestare attenzione all'installazione che deve avvenire nella parte alta della parete per permettere all’aria fredda di scendere fino ad incontrare l’aria calda che, per natura, sale verso l’alto. Evitate, inoltre, di posizionare l’apparecchio dietro a divani o tende per non bloccare l’uscita dell’aria;
  5. non sprecare aria condizionata, ma posizionate un condizionatore per stanza. Non pensate che posizionandone uno in corridoio avrete tutte le stanze fresche perché non sarà così;
  6. tenere porte e finestre chiuse anche se sembra una sciocchezza;  

             

  1. coibentare i tubi in modo da proteggerli dal sole che li danneggerebbe e cercate di non esporre al sole od alle intemperie anche le parti esterne;
  2. non raffreddare troppo l’ambiente cercando di mantenere solo 2 o 3 gradi in meno rispetto all’esterno anche se, gran parte delle volte, è semplicemente necessario deumidificare l’ambiente;
  3. utilizzare il timer e la “funzione notte” per ridurre il tempo di accensione;  
                  
  4. prestare attenzione a pulizia e manutenzione del condizionatore perché nei filtri dell’aria e nelle ventole si creano spesso muffe e batteri ed i pezzi rovinati vanno sostituiti per permettere il corretto funzionamento dell’apparecchiatura.    
                           

E voi utilizzate il condizionatore? Se sì, fate sempre attenzione a non esagerare e provate a seguire i consigli di Enea… poi fateci sapere com’è andata!