TREVISO - Un cliente di un bar centrale, mentre stava consumando per sé delle bevande ai tavolini esterni, chiede al personale del bar la cortesia di portare un po' di acqua per il cane che aveva al seguito. Questi viene accontentato con gentilezza, ma presto scopre che il servizio non è stato affatto gratuito: al momento dello scontrino infatti, il proprietario dell'assetato quadrupede si ritrova la seguente dicitura "ACQUA CANE   0,30€".La strana "voce di listino", che - ammenoché non sia una nuova marca d'acqua naturale dalla dubbia qualità organolettica - lascia poco spazio ad equivoci, è stata postata su Facebook dal cliente del bar, facendo divertire alcuni ed arrabbiare altri.Il bar ha ricevuto sulla propria pagina Facebook molti commenti di protesta ed ha dovuto chiarire che il costo addebitato è stato relativo al fatto che per servire acqua al cane è stata necessario utilizzare una coppetta per fare da ciotola e un impegno extra del servizio al tavolo, a tali costo operativi sono da attribuire i trenta centesimi chiesti al consumatore.Fatto stà, che la polemica non si è spenta, ed oggi la questione è finita addirittura su molti giornali nazionali, nonché divenuta la notizia vincitrice del simbolico ed ironico premio "la carta costa" di Alessandro Milan, ovvero la notizia che ha vinto il particolare premio per notizie futili che il noto conduttore radiofonico della rassegna stampa di Radio24 attribuisce con cadenza quotidiana e straordinaria ironia alla notizia più inutile o strana del giorno apparsa sulla carta stampata.Ma forse questa notizia tanto inutile non è, poiché in realtà offrirebbe vari spunti di riflessione a ben pensarci... Ma,  dato che i problemi che ci circondano sono ben altri, ora vogliamo prenderla anche noi semplicemente per il suo lato divertente e pittoresco di notizia buffa e stravagante.