Papa Bergoglio è un uomo rivoluzionario in termini di comunicazione: ha sdoganato già tantissime superstizioni e discriminazioni che affliggevano la chiesa e quindi i credenti, spesso solo a causa di un 'silenzio' troppo protratto da parte dei suoi predecessori: i Gay, il divorzio, tutte cose 'demonizzate' fino a pochi anni fa dai fedeli ed ora aperte ad una più pacifica tolleranza (solo Dio può giudicare). Però il nuovo Papa ancora non si è mai pronunciato in tal senso su una cosa forse molto più banale ed innocua: la festività di Halloween, che continua ad essere vista come qualcosa che non può essere vissuto da un Cristiano, che va evitata e sfuggita come un male assoluto, e non può invece essere vissuta in maniera non spirituale, scherzosa, sana, non violenta, e non di certo nel culto di Satana, come molti vorrebbero.
In America non è affatto così, eppure gli Stati Uniti sono un paese profondamente credente: sappiamo tutti che il presidente chiude i suoi discorsi con 'God Bless America' (Dio benedica l'America), che sulle banconote c'è scritto 'In God We Trust' (Riponiamo la nostra fiducia in Dio) e il giuramento alla bandiera viene fatto con la frase 'One nation under God'.
Persino molte chiese evangeliche, in America, in occasione di Halloween si addobbano con ragnatele e zucche, e lasciano spazio a feste sociali in cui ci si scambia 'un segno di pace e di fiducia reciproca' (es. quel giorno si donano dolcetti, si fa un gesto generoso ad uno sconosciuto, e in quell'occasione i bambini accettano 'caramelle dagli sconosciuti', lo immaginate quanta fede bisogna avere per mandare i bambini in giro a far ciò in città densamente popolate come quelle degli Stati Uniti e pensare che vada tutto bene?
Ora, questa occasione magari è solo una coincidenza, però di certo Obama sarebbe contento se Papa Francesco sdoganasse anche questo mito e permettesse anche ai cattolici americani di vivere quest'occasione con serenità, d'altronde molti di essi già lo fanno, sarebbero asociali se condannassero una delle feste più attese dell'anno, d'altronde, per chi crede davvero, il demonio può operare ogni giorno, non solo il 31 Ottobre, ma quando si ha fede si dovrebbe sapere anche che la forza del bene può proteggerci sempre, e che se la si invoca e la si rispetta, vince su ogni male e lo rende innocuo. Di certo Dio ha la forza i difenderci anche da una maschera, anche da un paio di corna finte e scherzose, di certo non 'adorate' come i fondamentalisti vogliono farci credere, ma semplicemente 'indossate' dai bambini.
Halloween non è il culto, è la 'ridicolizzandone' del demoniaco. È la trasformazione delle paure in sorrisi, forti della fede nel bene. Le superstizioni su simboli satanici, compleanni di Lucifero, speciali poteri del demonio in quella notte ecc. lasciamole ai pagani, le superstizioni non sono una cosa amata dal Signore. Dio, se abbiamo fede in lui, può proteggerci anche ad Halloween e consentirci di viverlo senza paure (certo da evitare sono i rituali e culti, ma non è certo questo quello che fanno i bambini e i ragazzi in quella notte, non vi è alcun culto, vi è una scherzosa ridicolizzazione del male, reso impotente e capace solo di stimolare un sorriso anziché di provocare terrore e paure: un vero credente non ha paura della morte, perché sa che l'anima è eterna).
Ok, ma è una festa commerciale e pagana, la chiesa non può appoggiarla? Anche qui c'è dell'ipocrisia storica da sfatare: la parola Halloween, come etimo, deriva da 'All Hallows Eve', ovvero: 'La vigilia della festa di tutti i santi', Il termine Halloween quindi è stato coniato dalla chiesa cattolica stessa, prima non esisteva! E sapete perché? Per 'colonizzare' e convertire meglio le popolazioni celtiche. Pochi sanno che infatti in tempi antichi fu proprio il Papa a decidere di far coincidere la festa di Ognissanti con il capodanno celtico, antenato di Halloween, che avveniva tradizionalmente il 1 Novembre, e che la sera prima si festeggiava con maschere che scacciavano gli spiriti maligni esorcizzandoli e facendo baccano per spaventarli e scacciarli, stando svegli per strada fino a tardi (D'altronde cosa facciamo noi tutt'ora a capodanno? Non è in parte simile? Se volessimo 'demonizzare', potremmo dire che anche i fuochi d'artificio sono satanici: essi ricordano infatti i 'rumori' di mitragliate e bombe delle orribili guerre, potremmo dire che sono poco rispettosi per tutti i morti sotto i bombardamenti e del terrore delle persone che quando sentivano quei 'boati' correvano al precario riparo tremando e abbracciando i loro cari, di certo non festeggiando. Insomma vorrei dire, non sono i simboli ciò che contano, ma come e con quale spirito li si vivono).
Fu proprio la chiesa cattolica quindi, in passato, a 'sfruttare' il potere 'commerciale'di una tradizione pagana, una ricorrenza che era molto sentita dai celtici, che venne sfruttata a livello psicologico e mediatico per meglio inserire il nostro credo nella loro società. Si decise infatti di far coincidere la festività di Ognissanti a quella data proprio per cercare di catturare l'attenzione di quel popolo, della serie:  siamo una religione amica, che festeggia la stessa data con una ricorrenza importante. La chiesa però non è riuscita nemmeno nei secoli ad estirpare la tradizione e i costumi, che paradossalmente, proprio grazie alla conversione al cattolicesimo di quel popolo - che ha continuato a vestirsi come da sua tradizione quella notte - è stata divulgata in tutto il mondo occidentale. Eppure la chiesa non molla e ancora oggi tenta di trasformarla in una serata da dedicare al rosario - stasera a Milano lo si è organizzato.  In un mondo globalizzato credo sia alquanto anacronistico prendere posizioni del genere: cercare di istruire i cattolici Europei e Latinoamericani a condannare e contrastare quella che ormai è una 'americanata' che piace a tutti, sopratutto ai giovani è per me solo un vano 'seminare discordia', che non è mai una cosa positiva.
Considerato tutto ciò, a me quella che si può vedere nel VIDEO sembra proprio una scherzosa provocazione mediatica, della serie: altro che costumi demoniaci, il peggior 'demonio' per Halloween è questo.
N.B. tutto quanto scritto in questo articolo sono mie riflessioni personali, non di certo dichiarazioni del Papa o di Obama o di nessun'altra istituzione.