Prima ancora di finire di leggere questa frase, forse guarderei o almeno toccherai il cellulare. Passiamo un sacco di tempo della nostra vita dietro questo dispositivo. 

Ecco perché causa stress e magari neanche ce ne accorgiamo! Vediamo quali sono i segnali e come risolvere.

Quasi tutti abbiamo il cellulare e, ammettiamolo, è sempre affianco a noi

La tecnologia ci ha cambiato la vita e l’ha resa più facile. Eppure il rovescio della medaglia è che ci rende più ansiosi, meno produttivi e distratti, anche se odiamo ammetterlo. Come sostengono gli psicologi, stare sempre connessi è una nuova forma d’ansia. Gli smartphone squillano, s’illuminano, vibrano, insomma fanno di tutto per attirare la nostra attenzione e noi non facciamo altro che aspettare la notifica successiva. 

Anche se è un processo lento, stiamo diventando dipendenti dagli squilli del telefono e a ognuno di questi il cervello rilascia un po’ di cortisolo o di dopamina . Un’email o un messaggio ci fa sentire stressati o felici e ci spinge ad essere ancora più veloci a rispondere. Non ci credi? Esaminiamo insieme i segnali:

  • Ansia per la poca batteria
  • Sindrome da vibrazione fantasma
  • Nomofobia
  • FOMO.

Avere poca batteria genera ansia perché magari non hai il tempo o la possibilità di ricaricare il cellulare e non sai come restare connesso. 

Il sintomo maggiore di questo tipo di ansia è chiedere a un estraneo un caricabatteria. Si diventa ossessionati.

Loading...

Senti vibrare la tasca e tiri fuori il telefono ma in realtà l’hai solo immaginato ? È un altro sintomo di come gli smartphone ci stanno stressando e non ce ne accorgiamo.

Sei un nomofono se hai paura di stare senza il cellulare e il motivo è perché non puoi comunicare in due secondi con la famiglia o gli amici. Di conseguenza, non riesci a concentrarti in qualunque cosa tu stia facendo e la fai male.

La paura di perdersi qualcosa , cioè FOMO, è scatenata dai post sui social network, perché vogliamo sentirci parte della vita degli altri. E spesso questo spinge a voler essere i primi a mettere “mi piace” sui post o commentare.

Ma allora cosa puoi fare? 

Innanzitutto, inizia con il seguire un programma su quando controllare il telefono . Imposta il timer per almeno 15 minuti. Dopo aver messo il silenzioso, girati in modo da non vedere le notifiche. Quando il timer squilla, concediti due minuti per controllare lo smartphone, poi ripeti. Piano piano riuscirai ad aumentare il timer: 20, 25 o persino 30 minuti. Se vuoi, puoi avvisare le persone che ti sei imposto di guardare meno il telefono così non si preoccupano.

In seguito puoi applicare lo stesso principio al tempo libero

Leggi le email di lavoro dalle 7 del mattino alle 7 di sera. E un’ora prima di andare a letto spegni del tutto il cellulare e lascialo in un’altra stanza. Certo, non sarà facile, però almeno così dormirai bene e non interromperai il sonno guardando il telefono. E non c’è neanche bisogno di usarlo come sveglia: comprane una!