Ci sono dei suoni che ci fanno sollevare la pelle sulle braccia, o ci fanno digrignare i denti ogni volta che li sentiamo. Al nostro udito risultano estremamente fastidiosi, anche se non ci sapremmo spiegare il motivo. Ebbene, se sei sempre stato curioso e vorresti sapere perchè adesso lo scoprirai!

Un gruppo di ricercatori dell’Istituto di Neuroscienze dell’Università di Newcastle (Inghilterra) ha deciso di indagare i meccanismi che scattano nel cervello quando alle nostre orecchie arrivano certi suoni. Per fare questo hanno condotto il seguente esperimento.

Hanno selezionato un gruppetto di 13 volontari in buona salute che sono stati sottoposti a risonanza magnetica mentre veniva fatto loro ascoltare un elenco di oltre 70 suoni diversi. Hanno così scoperto che in corrispondenza all’emissione di certi suoni qualcosa accadeva nel cervello delle loro “cavie”.

Fonte: metrouk

Quando veniva recepito un suono fastidioso, la parte del cervello preposta alle emozioni, detta “amigdala”, prendeva il sopravvento su quella preposta alla ricezione delle emissioni sonore. In qualche modo quindi il fastidio prevaleva sulla reale percezione del rumore in quanto tale.

I ricercatori poi hanno stilato un elenco dei dieci suoni che i soggetti presi come campione hanno riconosciuto come i più fastidiosi e insopportabili in assoluto, e sono:

  1. il coltello passato sul vetro di una bottiglia
  2. una forchetta fatta stridere contro un bicchiere
  3. il gessetto sulla lavagna
  4. il righello passato su una bottiglia
  5. le unghie sulla lavagna
  6. l’urlo di una donna
  7. il rumore di una mola
  8. i freni stridenti di una bicicletta
  9. il pianto dei bambini
  10. il trapano elettrico
Fonte: YouTube

Se questi suoni ti infastidiscono quindi non ti devi stupire: è una reazione istintiva del tuo cervello che innesca un meccanismo di difesa davanti a un rumore che percepisce come un avvertimento di pericolo. Ci sono però dei casi in cui dovresti preoccuparti.

Se ti danno fastidio anche suoni che non sono oggettivamente molesti, come il modo di ridere di una persona, o il masticare di un chewing-gum, potesti soffrire di un disturbo nervoso chiamato misofonia. La misofonia ti spinge a reagire in modo eccessivo, a volte anche iroso, ad un suono che non è né troppo forte né stridente e in definitiva da fastidio solo a te.

Come puoi cercare di isolarti dal chiasso esterno per meglio tollerare i rumori molesti, e non rischiare magari di ammalarti di misofonia? Ci sono alcune strategie che puoi mettere in atto.

Cerca di ascoltare suoni piacevoli e rilassanti, ad esempio i suoni della natura, meglio ancora se dal vivo ma anche incisi su un nastro.

Fonte: millenniumwinter.com share

Evita di tenere accesi sempre gli apparecchi elettronici, come la televisione, perché ti sembra che ti facciano compagnia. Alla lunga intaseranno il tuo canale uditivo.

Cerca durante il giorno di trovare qualche minuto per rilassarti ad occhi chiusi, respirando profondamente, senza fonti sonore intorno.

Cerca di capire perché certi suoni ti danno fastidio, se sono molesti in modo oggettivo o lo sono solo per te.

Riscopri il valore del silenzio: viviamo in una società bombardata da parole dette a vanvera mentre la comunicazione più profonda e importante, di solito, avviene senza proferire neppure un verbo.