Le immagini hanno un profondo valore simbolico; questa è una realtà ben conosciuta fin dall’antichità, quando la raffigurazione degli oggetti aveva spesso un significato apotropaico, ovvero serviva ad allontanare la possibilità che qualcosa di male accadesse. Nei quadri del Medioevo ogni singolo oggetto aveva un suo significato: il reale era una foresta di simboli da interpretare.

Per noi moderni questo è un po’ più difficile da capire, ma resta il fatto che anche in psicologia alcune immagini vengono associate ad idee e sensazioni che riescono a spiegare la parte più profonda di noi, quello che viene definito “subconscio”.

Ci sono cose che spesso non riusciamo ad ammettere a noi stessi: ad esempio, le nostre paure profonde. Anche se non hai problemi ad ammettere, ad esempio, che gli scorpioni ti spaventano terribilmente, meno facile è ammettere di avere timore della morte o della malattia.

Così gli studiosi della mente umana hanno messo a punto dei test che si basano su immagini e che raccontano qualcosa di più della nostra interiorità. 

Vorresti sapere qual è la tua paura più profonda e ancestrale, quella che alberga in fondo al tuo animo?

Osserva l’immagine che segue: è un quadro surrealista del pittore russo Vladimir Kush che, non a caso, definisce la sua arte “metaforica”. Il quadro si intitola “Butterfly Apple” ed è stato dipinto nel 1978.

Guardalo un momento soltanto e poi, d’istinto, dì qual è l’oggetto che per primo ha attirato la tua attenzione: ecco cosa significa.

Loading...
Fonte: neuwritesd.com share

LA FARFALLA

Se hai notato come prima immagine la farfalla, ciò che maggiormente temi è il tradimento di chi ami. Probabilmente questo si lega ad un tradimento già subito: qualcuno ha abusato della tua fiducia non tenendo fede alla parola data. Però questo aspetto di te è ben nascosto: non lo fai emergere se non in rarissime occasioni, quando sei davvero intimo con qualcuno.

IL BRUCO

Se hai notato per primo il bruco è perché ciò che temi di più sono i fantasmi. Per fantasmi non intendiamo tanto gli spettri con catene e lenzuolo bianco, quanto più quelli che aleggiano nella nostra mente, specie prima di addormentarci. Possono essere il rimorso per qualcosa fatto in passato, o il rimpianto per le occasioni perdute; sono le immagini volatili di ciò che la tua vita poteva essere e non è stata.

IL COLTELLO

Notare il coltello indica che temi la malattia, non tanto perchè conduce alla morte, quanto il pensiero della sofferenza che essa crea. In particolar modo sei spaventato dall’idea che tu o qualcuno dei tuoi cari possiate contrarre un male incurabile. Questa paura è comune a molte persone, ma non deve impedire di godersi la vita in ogni momento.

LA MELA

Infine se ciò che hai visto in questo quadro è la mela, la tua paura è la più antica di tutte, e comune ad ogni essere umano: è la paura della morte. Il tuo timore non è tanto per la tua morte quanto per quella di chi ami e che pensi di non poter sopportare. Anche questa paura è del tutto legittima e molto diffusa, ma ancora una volta non deve sovrastare la gioia di vivere, che è sempre più forte di ogni timore.

Fai il test e sottoponilo ai tuoi amici: tirare fuori le paure più angosciose è anche un ottimo modo per superarle!