Stephen Hawking, uno dei più grandi pensatori del nostro tempo, è conosciuto per i suoi enormi contributi nei campi della cosmologia e della gravità quantistica. Hawking è, senza dubbio, una fonte d'ispirazione per la nuova generazione per la sua immensa forza di carattere ed il buon senso delle sue parole.

Nonostante lui soffra di sclerosi laterale amiotrofica sin da giovane età, questo non è stato per lui un handicap anzi! A prescindere da questa condizione, è rimasto lucido e ha mantenuto la sua mente in forza per poter raggiungere i suoi obiettivi. Oggi, con i suoi oltre 70 anni ed il suo bagaglio, Hawking invia un bellissimo messaggio a tutte le persone affette da depressione

La vita di Stephen Hawking

Nato l'8 gennaio del 1942 a Oxford in Inghilterra, Stephen Hawking ha avuto un’infanzia semplice. Voleva studiare la matematica, ma una volta entrato in università, studiò la scienza naturale che divenne poi il suo campo.

Purtroppo, dall’età di 21 anni, quando frequentava il suo primo anno all'Università di Cambridge, ha cominciato ad avere i primi sintomi di SLA (sclerosi laterale amiotrofica). I medici gli avevano diagnosticato solo due anni e mezzo di vita. Ma, direi, si sono decisamente sbagliati!

Hawking non ha permesso alle difficoltà che la vita gli ha presentato di impedirgli di continuare gli studi. Infatti, ha ben 12 dottorati onorari e ha dedicato tutta la sua vita alla ricerca di risposte dall'universo, dal Big Bang alla creazione e alle teorie scientifiche. Parlando dei tempi difficili in cui gli diagnosticarono la sua malattia, disse che tutte le sue speranze furono annientate. Ma da allora è grato per qualunque aspetto della sua vita.

Anche se è condannato a rimanere su una sedia a rotelle ed incapace di eseguire quasi qualsiasi movimento, Hawking ha comunque trovato modi per ispirare il mondo, incoraggiandoci a trovare sempre il lato positivo delle cose, il “misticismo delle stelle”.

Loading...

Il misticismo delle stelle

"Ricordate di guardare sempre verso le stelle e non verso i piedi. È importante non rinunciare. Il lavoro vi dà uno scopo ed un senso. La vita senza esso sarà vuota. Se siete abbastanza fortunati da trovare l'amore, ricordate che c'è e non buttatelo via."

Recentemente, durante una conferenza a gennaio presso il Royal Institute di Londra, Stephen Hawking ha confrontato i buchi neri con la depressione, dicendo: "Il messaggio di questa conferenza è che i buchi neri non sono scuri quanto sembrano. Non sono le prigioni eterne che vengono spesso descritte. Alcune cose possono uscire da un buco nero e potenzialmente raggiungere un altro universo. Quindi, se sentite che siete in un buco nero, non andate nel panico: c'è una via d'uscita." disse.

L'handicap fisico non è un ostacolo, ma l'handicap psicologico sì!

“Se siete disabili, è molto probabile che non sia colpa vostra, ma non cercate di incolpare il mondo o aspettare che altri abbiano pietà di voi. Dovete avere un atteggiamento positivo e vedere il meglio in ogni situazione. Se soffrite di una disabilità fisica, non potete permettervi di essere così psicologicamente indeboliti. A mio parere, è necessario concentrarsi sulle attività in cui il vostro handicap fisico non sarà d’intralcio. Le Paralimpiadi non mi piacciono, ma è forse anche perché non ho mai veramente amato l’atletica. D'altra parte, la scienza è una scelta eccellente per le persone con disabilità perché tutto avviene soprattutto nella mente. Ovviamente, molti lavori di sperimentazione sono da escludere per alcune persone, ma il lavoro teorico è l’ideale.”

Continua affermando: 

“Ho la possibilità di lavorare nella fisica teorica, una delle poche aree in cui la disabilità non è un grave handicap. Anzi, mi ha evitato di espormi alle conferenze ed al lavoro amministrativo che si trova generalmente in altri campi. Tuttavia, sono riuscito solo grazie al prezioso aiuto che ho ricevuto da mia moglie, dai miei figli, dai miei colleghi e dai miei studenti. Trovo che le persone, in generale, siano sempre disposte ad aiutare, ma dovete incoraggiarle a pensare che i loro sforzi per aiutarvi valgano la pena, facendo sempre del vostro meglio.”