Quello che sappiamo per certo è che due volte l’anno ci tocca spostare le lancette dell’orologio ma spesso, rispetto a questa operazione, facciamo una gran confusione. Quand'è che vanno messe in avanti? Quando indietro? E soprattutto, ma perché ci dobbiamo complicare in questo modo la vita?

La prima notizia che ti possiamo dare è che no, il cambio di orario non accade in tutto il mondo. Se però ti vuoi liberare da questa incombenza, ti dovresti trasferire alle Hawaii (non ti sembra una cattiva idea, vero?), in Arizona, o nei Paesi Equatoriali.

Il motivo si capisce se ci si interroga sul perché sia stata istituita la cosiddetta “ora legale”. L’ora legale serve per ottimizzare le ore di luce naturale che abbiamo a disposizione, risparmiando elettricità. Nei Paesi della fascia equatoriale la differenza tra l’estate e l’inverno è praticamente impercettibile, tanto che non c’è bisogno di alcun aggiustamento.

COME FUNZIONANO ORA SOLARE E ORA LEGALE

Fonte: www.thespectrum.com share

Partiamo dall’A-B-C. Quella che scatterà alle ore 2:00 della notte tra sabato 28 e domenica 29 ottobre è l’ora solare: si torna cioè ad un ciclo naturale. Ciò vuol dire che le lancette vanno spostate un’ora indietro, e di conseguenza si dormirà un’ora in più.

Quindi al mattino ci sarà un’ora di luce in più, ma la sera farà buio prima. Viceversa in primavera, grossomodo nell’ultimo fine settimana di marzo, scatta l’ora legale: le lancette vanno avanti, si dorme un’ora in meno.

Si calcola che con questo escamotage in Italia si possano risparmiare 100 milioni di euro, per un ammontare di chilowatt pari al consumo annuo di 210 mila famiglie. Insomma, ne vale decisamente la pena.

Loading...

CHI HA INVENTATO L’ORA LEGALE

Non si può parlare di un inventore vero e proprio, ma possiamo dire che il primo a pensare che poteva essere conveniente adottare un cambio di orario fu Benjamin Franklin, nel 1784. In quel periodo la rivoluzione industriale aveva sconvolto le abitudini delle persone.

Fonte: www.drozthegoodlife.com share

Prima, per chi lavorava nei campi era del tutto naturale alzarsi con le prime luci del sole e ritirarsi al tramonto. Poi l’industria aveva imposto ritmi diversi, e Franklin scrisse delle riflessioni su questo.

Bisogna arrivare però al 1916, durante la Prima Guerra Mondiale, perché Austria e Germania adottassero per la prima volta l’ora legale, al fine di risparmiare carbone. L’ora legale divenne una convenzione in Italia, e in Europa, nel 1996.

PERCHE’ L’ORA CAMBIA ALLE 2:00?

Le 2:00 sono state scelte come orario per il cambio di ora, da legale a solare e viceversa, per non interferire con la circolazione dei treni, e anche questa è rimasta come convenzione. Se hai uno smartphone, non temere: lui cambierà orario da solo, e non dovrai svegliarti nel cuore della notte per farlo manualmente! Per quanto riguarda gli altri orologi di casa, puoi farlo la sera prima di andare a letto.

Fonte: www.npr.org share

E ricorda di cambiare l’ora anche dell’orologio sul cruscotto della tua automobile: secondo le statistiche è quello che gli italiani, per pigrizia e fretta, non sistemano mai, lasciando che segni l’ora giusta solo per sei mesi all’anno!