Da principio era il Trio, anzi no: da principio c'era una seria attrice di teatro, allieva di Silvio D'Amico ma, si sa, a volte la vita prende sentieri alquanto imprevedibili.

Anna Marchesini, doppiando doppiando, si imbatte in Massimo Lopez e Tullio Solenghi et voilà, la frittata è fatta.

I nostri tre eroi creano ed interpretano  uno sceneggiato dagli ascolti faraonici,  " I Promessi Sposi ", con punte di ascolto di 14.212.000 spettatori.

E via, Anna vola di successo in successo, si sposa, ha una figlia.

Qualcosa poi si " inceppa ".

Anna si separa, si ammala, abbandona le scene ma... la sua positività, ironia ed autoironia sono incontenibili.

Si " ricicla " come scrittrice, si mostra senza alcuna vergogna, a viso aperto in TV.

Dimostra a tutte noi donne come si possa, e si debba, mantenere un atteggiamento aperto alla vita, che esclude il piangersi addosso.

Del resto, come dice Fabio Volo: " La vita non è ciò che ci accade, ma ciò che facciamo con ciò che ci accade! "