La Pasqua è una delle festività religiose più sentite e anche quella che richiede una lunga preparazione spirituale da parte dei fedeli. Questo non accade solo in Italia, ma anche in altri Paesi del mondo, sebbene altrove la Pasqua si caratterizzi diversamente in termini gastronomici e culturali. 

Nell'Europa del Sud, soprattutto in Spagna, Italia e Romania, la Pasqua è considerata una delle feste religiose più importanti. In particolare, durante la Settimana Santa, vengono organizzate numerose processioni anche nelle città più piccole. Quella del "nazarenos" è la processione folkloristica più antica e suggestiva, che attira ogni anno migliaia di turisti. Durante questa processione dei penitenti incappucciati, appartenenti a diverse confraternite religiose, sfilano per le vie delle città. Vengono, inoltre, organizzate esposizioni del sangue di Gesù, riti di rinascita e di purificazione.

Nei paesi anglosassoni, invece, oltre ai riti religiosi, si dà molta importanza alla simbologia delle uova. Il giorno di Pasqua, infatti, centinaia di uova sode colorate vengono fatte rotolare giù dalle colline dei parchi. Sempre con le uova vengono poi organizzate delle vere e proprie cacce al tesoro per i più piccoli.

Nell'Europa nel Nord, soprattutto in Germania, Svezia, Danimarca e Finlandia, la Pasqua coincide con le celebrazioni pagane dedicate all'avvento della primavera. Tali feste sono la gioia dei bambini, che sfilano vestiti da streghe e maghi. Vengono, inoltre, organizzate delle sessioni di pittura e decorazione delle uova sode, dei falò per allontanare gli spiriti maligni e la caccia alle uova pasquali.

Ancora più singolari sono le usanze della Russia e delle Filippine. In Russia il giorno di Pasqua viene festeggiato organizzando un pic-nic sulla tomba di un parente; mentre nelle Filippine i fedeli più convinti sono soliti "autocrocifiggersi e autoflaggellarsi".

Dal punto di vista religioso, la Pasqua è una festa molto sentita anche dal popolo ebraico, dove prende il nome di "Pesach". La Pasqua ebraica dura otto giorni, che vengono spesi interamente in famiglia, ed è volta a celebrare la liberazione del popolo ebraico dalla schiavitù egiziana per opera di Mosè.

Loading...

Forse non tutti lo sanno, ma esiste anche la Pasqua musulmana, chiamata "Eid al-Adha". Con questa celebrazione si ricorda la storia di Abramo e di suoi figlio Isacco. E' una festa che commemora il sacrificio del primo patriarca dell'Islam. Si narra, infatti, che Dio, volendo mettere alla prova la fede di Abramo, gli abbia ordinato di sacrificare suo figlio sul monte Moira. Ma prima che Abramo portasse a termine il compito, un angelo gli apparve dicendogli che il Signore aveva apprezzato la sua ubbidienza mostrata finora.