Avvolgere il bimbo in una coperta stretta è una tecnica che molti genitori utilizzano. È un modo per tenere ferme le gambe, per esser sicuri che il bimbo stia calmo e più sicuro. Sembra però che questo metodo non abbia solo pro , può infatti portare a conseguenze spiacevoli una volta che il bebè è cresciuto.

I dottori avvertono di non fasciare il bimbo ogni notte prima di andare a dormire, perché le anche poterebbero subire danni. L'anca è infatti un'articolazione molto complessa dal punto di vista anatomico ed è fondamentale per camminare e stazionare correttamente. Durante i primi anni di vita del bambino, l'anca subisce profonde modificazioni ed è quindi importante tenerla sotto controllo ad esempio con ecografie (di solito la prima si effettua intorno ai 3 mesi). Una diagnosi precoce è fondamentale per risolvere il problema in fretta.

I dottori affermano che i bambini devono potersi muovere in libertà anche di notte mentre dormono per non incorrere in problemi come la  displasia dell'anca , una patologia che colpisce l'anca immatura alterando lo sviluppo di entrambe le componenti di questa articolazione, ovvero il bacino e il femore. 

In caso di displasia dell'anca, nei casi più gravi, si prescrive un tipo speciale di pannolone semirigido  che mantiene le anche flesse e divaricate, posizione che favorisce lo sviluppo corretto dell'anca.

L'importante è che il bambino tenga sempre le gambe divaricate verso l'esterno: si consiglia far indossare al piccolo un doppio pannolino per fargli mantenere facilmente questa posizione.