Proveniente dall'Indonesia secondo alcuni e dal Messico secondo altri, il Chiama Angeli o Richiamo degli Angeli , è diventato uno dei regali più amati dalle future mamme di tutto il mondo, non tanto per il fatto che si tratti di un gioiello prezioso, ma più che altro per il significato che porta con sè!

Ma di cosa si tratta realmente e quali sono i benefici di usarlo durante la gravidanza?

Cos'è il Richiamo degli Angeli

Si tratta semplicemente di un ciondolo sferico, quasi sempre in argento e che, grazie a una pallina al suo interno, diventa un sonaglio . Peso, decoro, grandezza e colore possono variare tantissimo da un modello all'altro.

Quest'oggetto dovrebbe accompagnare la mamma e suo figlio durante tutta la gravidanza . Una volta nato, il bambino potrà poi ereditare questo ciondolo che diventerà un ricordo di quando lui/lei e la sua mamma erano una cosa sola.

Dove trovare il Richiamo degli angeli ?

Nella maggior parte delle gioiellerie, ma anche in internet e i prezzi variano in base ai materiali utilizzati e alla complessità del lavoro, ma certamente troverete facilmente il Richiamo degli Angeli che fa per voi!

Per chi volesse rendere questo regalo ancora più personale è possibile, inoltre, far incidere il nome del nascituro direttamente sul ciondolo. 

La tradizione

La storia del Richiamo degli angeli è molto interessante, si crede infatti che il sonaglio richiami gli angeli affinché proteggano il feto durante tutta la gravidanza. Inoltre il suono dolce di questo sonaglio, avrebbe effetti stimolanti per i sensi del bambino che si rilasserebbe allo stesso tempo. 

Anche dopo la nascita la funzione rilassante sarà molto efficace in quanto, abituatosi a quel suono, il bambino si tranquillizzerà più facilmente.

instagram: elodienpa
Come utilizzarlo

Andrebbe usato come una lunga collana che sfiori il pancione all'altezza dell'obelico, in modo tale che ad ogni movimento, il sonaglino produca un leggero suono che faccia compagnia al bambino, facendogli percepire la presenza e l'amore di sua mamma .

Secondo la scienza infatti, già dopo la 16° settimana il bambino è in grado di percepire i suoni interni, come il battito del cuore per esempio, ma anche quelli provenienti dall'esterno, come le voci o la musica .

Insomma, un'idea regalo originale che sarà sicuramente apprezzata dalla futura mamma che lo riceve!