Quando passeggiamo per le nostre città, quante volte guardandoci intorno ci capita di vedere coloratissimi graffiti ed opere (più o meno discutibili) che adornano il paesaggio che ci circonda?

Ebbene ora si parla di qualcosa che va oltre la "semplice" creatività: lo Urban Knitting, ovvero un’arte di strada che abbellisce e vivacizza le città tramite l’impiego di lavori a maglia ed uncinetto. Niente bombolette spray, niente vernici e quindi nemmeno inquinamento ambientale!

                                                                                                                                                                                                                               

Questa forma d’arte è conosciuta anche col nome di “Yarn bombing” che significa letteralmente bombardamento di filati e nasce negli Stati Uniti, ma ha già coinvolto alcune città italiane come Genova, Cesenatico e Pistoia.

 

                                                                                                                                                                                                                               

Da oggi lavorare a maglia non sarà più qualcosa di superato o un semplice passatempo, ma una vera e propria "street art" a tutti gli effetti praticata sia da uomini che da donne. Tante sono le associazioni coinvolte in questa attività ed una tra le più rilevanti è “Sul Filo dell’Arte” che si trova a Monza ed è nota soprattutto per una sua iniziativa dedicata a Van Gogh: l’associazione ha, difatti, decorato una stanza riproducendo una copia dell’opera “La camera di Vincent ad Arles” dell’artista prima citato che si trova al Van Gogh Museum di Amsterdam.

Perché allora non aiutare e sostenere associazioni di questo genere che hanno il solo scopo di abbellire e rendere più piacevoli e vivibili le città in cui abitiamo? Se poi si fa tutto questo divertendosi e senza creare danni all'ambiente, non può essere che un positivo valore aggiunto!