Da sempre il diamante è simbolo di eternità, di amore, un simbolo di purezza. ‘Il Diamante della Memoria’ è generato esclusivamente con le ceneri provenienti dalla cremazione umana, senza inclusione di qualsiasi additivo. 

Algordanza è un’inconsueta agenzia di pompe funebri che ha la sua prima apparizione in Svizzera e precisamente nel Cantone dei Grigioni, (nella lingua locale Algordanza significa ‘ricordo’). Il suo fondatore è Rinaldo Willy, 33 anni, a lui il merito di questa grande e sbalorditiva idea. L’ispirazione gli arrivò una decina d’anni fa mentre ancora studiava economia, leggendo un articolo di uno scienziato russo che parlava della produzione di diamanti sintetici da impiegare nell’industria dei semiconduttori. L’articolo spiegava come ricavare dei diamanti dalla cenere vegetale, ma lo studente fraintese e capì che le ceneri fossero di origine umana. Quest’errore intrigante diede origine all’affascinante idea di poter tenere vicini per sempre i propri cari dopo la morte.

Questa ditta grazie a recenti tecnologie è in grado di trasformare le nostre ceneri in un prezioso diamante sintetico, confezionandolo in un pregiato contenitore in legno. Starà poi ai nostri familiari prodigarsi per incastonarlo e farne in anello o un pendente da portare sempre al collo, oppure semplicemente conservandolo nel cofanetto in un cassetto o sul comodino vicino al letto. In base a quanto ‘grandi’ vorremo diventare dopo la morte, il costo dell’intero procedimento si aggira tra i 4.500 ai 20.000 franchi svizzeri (3.650 – 16.000 euro al prezzo va aggiunta l’Iva e una eventuale montatura e incastonatura visto che Algordanza è un laboratorio, non un gioielliere) la lavorazione può richiedere anche qualche anno. Si contano ormai che quasi 850/900 persone all’anno entrino come cenere in questa agenzia funebre per uscire sotto la veste di gemme preziose. Generalmente sono madri o mogli a rivolgersi a quest’agenzia perché vogliono tenere il defunto sempre con sé. Ma c'è anche chi compie questa scelta in autonomia, quando è ancora vivo, sono nella maggior parte dei casi, persone consapevoli che moriranno presto, per esempio i malati terminali. Algordanza è rappresentata, oltre che in Svizzera, in Austria, Belgio, Canada, Repubblica Ceca, Corea, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Italia, Liechtenstein, Lussemburgo, Messico, Principato di Monaco, Olanda, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svizzera, Thailandia, Stati Uniti.

Dalla qualità delle ceneri dipenderà la grandezza, la purezza e la colorazione della pietra, per esempio, se la persona indossava la dentiera o una protesi artificiale, oppure se prendeva certe medicine, le sue ceneri saranno meno pure e di conseguenza la qualità del diamante sarà inferiore.I diamanti che escono da Aldorganza possiedono le stesse proprietà fisiche e chimiche dei diamanti naturali, ovviamente essendo prodotti dall’uomo, hanno meno valore dei diamanti naturali, ma non è percettibile la differenza dall’occhio umano. Nemmeno un gioielliere lo potrebbe fare. L’unico modo per scoprire se la pietra è naturale o prodotto artificialmente è fare uno screening chimico. Alcuni particolari possono influire anche sul colore della pietra. Le persone che hanno fatto la chemioterapia, ad esempio, di solito finiscono col diventare diamanti di colore chiaro. Ma in realtà non sappiamo ancora bene cosa determini il colore delle gemme. I nostri diamanti di norma vengono blu, a causa delle tracce di boro presenti nel corpo umano; ma ogni persona si trasforma in un diamante diverso, e quindi unico, con tonalità che variano dal bianco cristallino fin quasi al nero.

Se valutiamo che la continua crescita della popolazione e la carenza di terreni e spazi nei cimiteri stanno divenendo un problema insostenibile e dei gravosi costi di sepoltura, forse questa inconsueta idea potrebbe rivelarsi un grande aiuto per la tollerabilità del pianeta, e dei nostri portafogli, ma soprattutto senza dimenticare, potremmo essere sempre vicini ai nostri amati.