È la Toscana la prima regione italiana che ha deciso di affiancare alla medicina convenzionale quella alternativa, ed è il Petruccioli di Pitigliano (Grosseto) l'ospedale ad avere la fortuna di poter sperimentare sul campo il primo passo verso il riconoscimento della validità delle cure alternative. Accanto alle cure convenzionale, saranno proposte al paziente tutta una serie di cure alternative come l’omeopatia, l’agopuntura, la fitoterapia e la medicina cinese.

L’ospedale toscano ha dovuto implementare il personale sanitario inserendo operatori specializzati in medicina complementare e la decisione di poter ricorrere ad essa è lasciata al paziente che sarà accompagnato nella scelta della cura migliore da medici esperti. I cittadini avranno la possibilità di optare, sia durante un ricovero che in ambulatorio, tra la medicina alternativa e quella tradizionale. Inoltre per avere un consulto con gli operatori di medicina complementare non sarà necessaria alcuna richiesta medica, ma sarà il cittadino che potrà prenotare la visita specialistica direttamente  dal CUP.

Per il momento le cure alternative proposte nell’ospedale toscano vanno a coadiuvare quelle tradizionali e sono dedicate solo ad alcune patologie, come malattie reumatiche, dermatologiche, respiratorie, o a supportare le radioterapie e chemioterapie contenendo gli effetti collaterali. Certo questo è solo una piccola goccia nel mare delle possibilità curative che le medicine alternative hanno, ma è pur sempre un inizio.

 

Quello che si sta compiendo il Italia è il primo passo verso la fine della diatriba che da anni ormai mette a in dubbio la validità medicine alternative, è bene sapere che nel resto del modo sono molte le cliniche e gli ospedali dove il paziente ha la facoltà di scegliere il metodo di cura che ritiene migliore. Ma il fatto che la legge regionale che ha permesso l’affiancamento dei due metodi curativi mettendoli sullo stesso piano, cioè riconoscendo l’omeopatia, la fitoterapia, l’agopuntura e la medicina cinese come parte del Servizio Sanitario regionale, è una grossa conquista da parte dei fautori della medicina alternativa.

 

Fonte della notizia: http://www.generazionebio.com/notizie/175-il-primo-ospedale-di-medicina-alternativa.html

Qui trovate qualche notizia per conoscere meglio l’omeopatia: http://ebenesapere.blogspot.it/2015/02/e-bene-saperecurarsi-con-lomeopatia.html