I 5 sensi, non potremmo esistere senza di essi. E proprio uno dei sensi sarà il protagonista di un evento ricco di avvenimenti: parliamo dello “Smell Festival” , una manifestazione culturale che vuole celebrare l’olfatto ed i profumi.

Questo evento ha origine nel 2010 ed è stato realizzato da Francesca Faruolo, Giuseppe Caruso e Veronica Faruolo. Il festival ha lo scopo di ripopolare la città in cui avrà luogo facendo visitare ai partecipanti i luoghi d’arte mediante spettacoli, laboratori ed incontri. Durante questo evento, viene data la possibilità ad un selezionato numero di produttori di poter esporre i propri profumi, lanciare i prodotti sul mercato, presentare le materie prime utilizzate e spiegare la nascita delle varie fragranze al pubblico.

Insomma, lo scopo dello “Smell Festival” è quello di risvegliare emozioni e sensazioni tramite questo senso, speso sottovalutato, per la riattivazione sia del corpo che della mente che risultano strettamente legati tra loro.

Siamo, però, nel 2015… quel tentativo di celebrazione del senso dell’olfatto è ormai lontano. Tanto è vero che quest’anno la manifestazione ha raggiunto alla sua 6° edizione che si terrà a Bologna dal 20 al 24 maggio presso il “Museo d’Arte Moderna di Bologna” ed il “Museo Internazionale e Biblioteca della Musica” .

Per questa edizione, il tema del festival è “Performing Scents” e consiste in un percorso con lo scopo di ricercare l’olfatto e capirne la relazione col movimento. Verranno, per questo, utilizzate le abilità di attori, danzatori ed ulteriori artisti per avvicinare quanti più visitatori possibile.

                                                                                                                                                                        L’avvenimento principale sarà, senza alcun dubbio, la cerimonia di origine giapponese della “Via dell’incenso” , celebrazione che difficilmente viene mostrata fuori dai confini del Giappone e, per l’occasione, verrà celebrata da un discendente di una famiglia di maestri il cui nome è Souhitsu Hachiya.

“Smell  Festival” nasce grazie all’appoggio di “Orablu” , un’associazione culturale che prende il nome da un profumo ispirato all’ora serale in cui il cielo si scurisce. Lo scopo di “Orablu” è celebrare l’olfatto per mezzo dell’unione tra moda, danza, arte e cultura; un’occasione per rivalutarlo, per sottolinearne l’importanza… il tutto in un unico avvenimento che durante l’anno continua a vivere nonostante la breve durata della manifestazione.

Nel corso dell’anno è, appunto, attivo lo “Smell – Atelier di Arti Olfattive” : una serie di corsi che intersecano storia, arte, scienza e letteratura per scoprire nuove fragranze, studiare le materie prime con cui vengono create, imparare la storia delle varie fragranze e conoscere  procedimenti per la realizzazione dei profumi.

 

Personalmente, trovo che questa manifestazione sia un’idea davvero grandiosa per riunire persone da ogni città, per far conosce

re un mondo non così alla portata di tutti. Questa fusione tra olfatto, storia ed arte da origine ad un’esperienza unica nel suo genere e farne parte sarebbe davvero una sensazione speciale per le emozioni che ci regalerà.

Vorreste partecipare o, più semplicemente, avere qualche informazione in più? Lo “Smell Festival” è presente su Facebook oppure potete controllate il sito web al seguente link http://www.smellfestival.it/


Qualcuno di voi prenderà parte al festival o ha già partecipato alle edizioni precedenti? Diteci la vostra!
J