Il gusto dolce e pungente  della cannella conferisce ad ogni piatto un sapore particolare che lo rende unico, soprattutto se abbinato ad un dolce. Ma la gioia del palato non è l’unico motivo per cui la cannella è tanto ricercata ed apprezzata. Dovete sapere infatti che è alla base della medicina cinese e largamente utilizzata nella cura di raffreddori,  nausee, dolori mestruali e virus intestinali, oltre ad essere un buon integratore naturale. L’aspetto che però interessa maggiormente è quello che riguarda la sua valenza sulla salute. La cannella è ricercata poiché combatte il diabete tenendo sotto controllo gli zuccheri, ma non solo, ci sono tanti altri benefici per l’organismo, continua a leggere e scopri quello più adatto a te.

  • Regola gli zuccheri: l’assunzione di cannella regola i livelli di zucchero nel sangue, a giovamento di chi soffre di diabete, ma non solo, anche i livelli di colesterolo sono tenuti sotto controllo, oltre che quelli dei trigliceridi, tutti parametri che influenzati dalla percentuale di glucosio nel sangue. Inoltre l’azione antiglicemica della cannella rallenta lo svuotamento dello stomaco, impedendo o rallentando gli stimoli della fame tipici della glicemia alta. In questo modo l’azione regolatrice degli zuccheri aiuta anche la perdita di peso.
  • Aiuto per la memoria: alcune ricerche scientifiche sostengono che l’aroma ed il gusto della cannella stimolino il processo cognitivo migliorando la memoria. Utile il suo impiego nelle malattie degenerative quali l’Alzheimer.

Leggi anche:

https://ilbuongiorno.it/it/articles/benessere/item/6256-alzheimer-consigli-di-sopravvivenza-per-chi-sta-accanto

  • Riduce il dolore dell’artrite:uno studio dell’Università di Copenaghen ha sottoposto alcuni pazienti ad un trattamento che prevedeva l’assunzione di un cucchiaino di cannella miscelato ad un cucchiaio di miele, il risultato di tale esperimento è stato che i dolori legati all’artrite nei pazienti è sensibilmente diminuito, a tal punto da permettere loro movimenti naturali, come camminare, senza provare alcun dolore.
  • Antibatterico naturale: la cannella è capace di eliminare infezioni batteriche e fungine, oltre ad avere doti antisettiche utili nei casi di malattie a carico dell’apparato respiratorio, quindi raffreddore, ma ha ottimi risultati anche in caso di alito pesante.
  • Effetto stimolante: la cannella può fungere da stimolante naturale soprattutto dopo periodi influenzali, quando vi è una prostrazione psico-fisica, o quando si è affetti da anemia, per alleggerire la sensazione di debolezza.
  • Aiuta la digestione: la presenza, nella cannella, di tripsina aiuta nel processo digestivo. Questo enzima stimola il processo digestivo eliminando gonfiori addominali.
  • Azione disinfettante: in presenza di piccoli tagli, può essere utile cospargere la ferita con un pizzico di cannella, che disinfetterà la parte lesa.
  • Allevia i dolori mestruali: bere un infuso di cannella durante il periodo mestruale può alleviare i dolori tipici del ciclo. Occorre far bollire 8-10 grammi di corteccia in un litro di acqua per 15 minuti. Trascorso il tempo la filtrare l’infuso e bere fredda un paio di volte al giorno, preferibilmente senza dolcificare.
  • Favorisce l’intestino: la cannella è ricca di fibre alimentari, la sua assunzione permette di portare sollievo nei casi di costipazione.
  • Combatte l’infertilità femminile: nella cannella è presente una sostanza chiamata cinnamaldeide, che stimola l’ormone progesterone diminuendo la produzione di testosterone, in questo modo si ha un bilanciamento degli ormoni che, regolarizzandosi, favoriscono la fertilità.
  • Alleata in cucina: pur non essendo proprio un beneficio per la salute, non potevamo citare la versatilità della cannella in cucina. Il suo gusto particolare si sposa bene sia con piatti dolci che salati donando alle pietanze un tocco esotico speciale.

Ricordiamo infine che, pur essendo un rimedio naturale, la cannella deve essere utilizzata con cautela soprattutto in presenza di particolari patologie, è sempre bene quindi informare e farsi consigliare dal proprio medico di fiducia.