"Un amico è la cosa più preziosa che tu possa avere e la cosa migliore che tu possa essere". 

Da questa citazione prende spunto la mia riflessione sull'amicizia. Noi, spesso, ci preoccupiamo di avere amici all'altezza dei nostri sogni, dei nostri gusti, delle nostre aspettative.. e classifichiamo gli altri in base a ciò che sono in grado di trasmetterci lungo il sentiero della vita. Così abbiamo l'amica d'infanzia con cui abbiamo giocato per tutto il tempo in cui dominava la spensieratezza, l'amica del liceo con cui abbiamo condiviso le prime gioie e anche le prime delusioni, l'amica della porta accanto con cui siamo cresciute tra pomeriggi a studiare e giri fuori casa.. ed infine se siamo state fortunate ad incontrarla "l'amica del cuore" quella che appunto è il cuore che sceglie, senza logiche e ragioni, come la migliore che ci potesse capitare. Con lei le parole, a volte, sono superflue, perché parlano gli sguardi complici, i silenzi, i gesti come i pensieri. E' un'alchimia di stati d'animo che si incontrano e si scontrano per confrontarsi, per completarsi e per sostenersi. E' un groviglio di sentimenti, che attinge la sua forza da un legame tenuto insieme da un filo sottilissimo ma sempre resistente, che va oltre ogni distanza, differenza e difficoltà. Se mentre state leggendo state pensando ad una persona in particolare, allora vuol dire che avete la fortuna di poter contare su qualcuno senza neanche aver bisogno di chiederlo. Perché l'amicizia è quello spiraglio di luce che arriva quando intorno c'è buio, quel fiore che spunta all'improvviso quando meno te lo aspetti, quell'emozione che come direbbe Laura Pausini "ti attraversa il cuore e non se ne va.."

Ma, ritornando alla citazione iniziale, ricordiamo che essere amici è un privilegio, rispettiamo questa condizione senza pretese perché come dice un celebre aforisma di A. De Pascalis:  "Non importa ciò che ti torna indietro, Importa quello che dai. Tu vali quello. Quello che dai". E noi cerchiamo di dare sempre il meglio di noi stessi, con il cuore.