Sono passati ormai quattro anni dall'ultima eclissi solare che è stata visibile dal nostro Paese. Ma, soprattutto per gli appassionati di astronomia, quella del 20 marzo 2015 è una data da ricordare. Domani, infatti, non solo la Luna si troverà tra il Sole e la Terra e si verificherà un'eclissi solare totale, ma questa coinciderà anche con l'equinozio di primavera. Quella di domani è la nona eclissi totale dal 2000 ad oggi e fa parte di "Saros 120", il ciclo di 71 eclissi che si verificano ad una distanza di 18 anni, 10 giorni e 8 ore l'una dall'altra. L'ultima eclissi totale verificatasi in concomitanza con l'equinozio di primavera avvenne nel 1662, mentre per la prossima bisognerà attendere fino al 2034. L'attuale ciclo Saros 120 è iniziato il 27 maggio dell'anno 933 e si concluderà il 7 luglio 2195.

L'eclissi inizierà intorno alle ore 8:40 (ora italiana) e proseguirà fino alle 12:50, raggiungendo il suo massimo intorno alle 10:45. Sebbene l'eclissi sia totale, in Italia risulterà solo parziale e il Sole verrà coperto al 50-70%. L'eclissi sarà visibile dapprima in Sardegna (9:16), poi a Roma (9:23), Milano (9:24), Napoli (9:25) e Lecce e Trieste (9:30). L'eclissi risulterà, invece, totale nei paesi del Nord Europa, soprattutto tra l'Islanda, la Norvegia e la Scozia, dove il Sole verrà coperto per circa due minuti e mezzo. 

Insomma, domani tutti col naso all'insù per ammirare lo spettacolo. Per stare sicuri, ecco qualche consiglio per seguire al meglio l'eclissi.
Tutti sanno che guardare il Sole ad occhio nudo provoca danni irreparabili agli occhi. Vanno aboliti anche i rimedi fai-da-te. In questo caso, è meglio acquistare un paio di occhiali o dei filtri appositi. Se proprio non avete modo di procurarveli, alcuni esperti consigliano di usare degli occhiali da saldatore con indice di protezione 14. Altrimenti potete fare un foro su un cartoncino e proiettare l'immagine dell'eclissi al suolo o su una parete, in modo da vederla in tutta sicurezza. 


Anche binocoli, macchine fotografiche o telescopi possono essere molto pericolosi se sprovvisti di adeguati filtri

Se non avete la possibilità di guadagnarvi un posto all'aperto per osservare il fenomeno oppure se il meteo ci tradisce, allora niente paura... C'è sempre la diretta streaming! Il Virtual Telescope seguirà, infatti, l'evento in diretta streaming con il commento dell'astrofisico Luca Masi. Potrete seguire l'eclissi anche attraverso le foto in tempo reale che verranno caricate sulla pagina Facebook Astronomia Pratica. Avremo, infine, anche la possibilità di assistere all'eclissi totale come verrà vista sulle Isole Faroe, grazie al sito Slooth