Da molto tempo si parla ormai di energie rinnovabili , ovvero quelle energie provenienti da fonti non soggette a esaurimento, come il sole, il vento o il calore della terra. Queste energie, al contrario delle fonti fossili, anche se sfruttate dall’uomo non si esauriscono e quindi anche le generazioni future possono servirsi delle stesse fonti. Inoltre, le fonti rinnovabili non emettono agenti inquinanti, fattore decisamente importante per l’ambiente e per la salvaguardia della salute. Ma quando si parla di queste fonti rinnovabili a quale energia ci si riferisce ? Ecco quali sono le energie rinnovali più diffuse e come funzionano. 

Energie rinnovabili quali sono e come funzionano 

Ecco di seguito quali sono le energie rinnovabili e il loro funzionamento. 

Energia solare 

L’energia solare è tra le fonti rinnovabil i quella maggiormente conosciuta, che viene costantemente irradiata dal Sole verso la Terra e che genera energia termica o elettrica, utili all'uomo per le sue varie attività. Infatti, oltre a dare calore e a determinare il ciclo vitale sulla Terra, l'energia del sole può essere convertita in impianti appositi. Il principale impianto è quello fotovoltaico, costituito da pannelli al silicio che trasformano l’energia solare in energia da utilizzare per ottenere acqua calda, riscaldare e garantire elettricità nelle case, favorendo un risparmio energetico molto significativo. Oltre al fotovoltaico, è disponibile anche il solare a concentrazione, caratterizzato da grandi specchi che incanalano il calore in caldaie in grado di mandare avanti un impianto termoelettrico. 

Energia idroelettrica 

E’ ormai accertato da tempo che le masse d'acqua sono straordinarie portatrici di energia e lo dimostrano ampiamente i mulini di una volta che tramite l’acqua riuscivano a produrre l’energia necessaria per svolgere la macinatura delle farine o di altri prodotti agricoli. L’avanzare della tecnologia ha permesso all’uomo sin nel XIX secolo di produrre energia elettrica direttamente dalla potenza delle acque, dando vita a quella che viene detta energia idro-elettrica. Ad oggi sono numerosi gli impianti idroelettrici diffusi nel mondo, in particolare di 2 tipi: ad acqua fluente, che sfruttano il moto naturale di fiumi e corsi d'acqua, e ad accumulo, basati sulla realizzazione di ampi bacini da cui attingere in base alle necessità. Grazie a tecniche sempre più sofisticate oggi l’uomo per la creazione di energia elettrica si serve, oltre che dei fiumi, anche delle correnti marine, delle onde e delle maree.

Leggi anche: Incentivi rinnovabili 2018 quali sono? 

Energia Eolica 

L’energia eolica è quella energia rinnovabile sfruttata dall'uomo per catturare e trasformare la forza del vento in energia e generare elettricità. Un tempo erano le pale dei mulini a produrla, oggi invece l’evoluzione le ha trasformate in pale eoliche, composti da un palo sostenitore, un rotore e ovviamente la turbina eolica. La particolare forma aerodinamica e l’altezza dei pali eolici è strutturata proprio per catturare la maggiore quantità di vento possibile: più in alto, infatti, il vento è maggiore ed è più costante. Le pale sono collegate alla dinamo dal rotore ed è proprio la dinamo a trasformare l'energia meccanica in energia elettrica. L’impianto eolico può essere sia di piccole che di grandi dimensioni, ed entrambi per funzionare e rendere al meglio devono essere posizionati in luoghi sopraelevati e molto ventosi e assenti di ostacoli. 

Energia geotermica 

Tra le energie alternative quella geotermica è una delle più recenti. L’energia geotermica viene ottenuta dal calore della Terra che scalda l'acqua che si trova nel sottosuolo e la fa fuoriuscire sotto forma di vapore. Questo viene convogliato nelle centrali tramite specifici sistemi di tubature che lo portano in turbine particolari per la produzione di energia elettrica. Il calore ottenuto viene usato per coltivazioni, riscaldamento e altro.

Il calore generato dalla Terra si mostra sotto forma di vapore e viene convogliato verso turbine particolari per la produzione di energia elettrica. Il calore convogliato nei sistemi di tubature può anche essere riutilizzato per riscaldamenti, coltivazioni in serra e termalismo.

Energia di biomasse 

Anche l’energia prodotta da biomasse è tra le energie alternative di ultima generazione e consiste in energia prodotta con sostanze organiche tramite processi di combustione. Per biomasse si intendono i materiali di origine organica, come scarti agricoli di allevamento o dell'industria del legno o vegetali riutilizzati e lavorati in apposite centrali termiche per produrre energia elettrica e biocarburanti, cioè carburanti organici da usare al posto di benzina e diesel.