La storia di questo dolcissimo cane, è una storia di determinazione e speranza.  Una storia inizialmente triste,  il cui finale è del tutto sconosciuto al perseverante meticcio.


credits

Tuttavia, egli sperava un giorno di sentire ancora una volta il calore di quelle carezze e le premure di quella donna, arrivata in un albergo di Buenos Aires durante uno dei suoi spostamenti di lavoro.


credits Olivia Sievers

Olivia Sievers è un assistente di volo tedesca, e prima di entrare nell'Hotel in cui avrebbe soggiornato, incontra un randagio e i suoi occhi tristi.

Gioca un po' con lui, lo accarezza, gli dà qualcosa da mangiare e persino un nome: Rubio, forse per via del colore 'rossiccio' del suo manto.

Va in stanza, ma lui resta fuori alla porta d'ingresso per farsi trovare lì nel momento in cui sarebbe ripartita.

Per 6 mesi, Rubio non si è spostato da quel luogo in attesa di qualcuno che forse non sarebbe più tornato.


credits

Il caso vuole che Olivia vi torni, trova ad aspettarla Rubio nello stesso luogo in cui lo aveva lasciato. Decide di interessarsi per farlo adottare e ci riesce.

Ora poteva tornare in Germania sapendo che finalmente Rubio aveva una famiglia che si prendesse cura di lui con amore e che non avrebbe più vissuto di stenti e randagismo. Inoltre in occasione dei suoi viaggi, poteva vederlo ogni volta che sarebbe passata per Buenos Aires.

Così pensava, ma Rubio fugge dalla sua nuova casa e ancora una volta si siede davanti all'albergo ad aspettare la donna che gli aveva dedicato così tante attenzioni.


credits

Vedendolo ancora lì, Olivia non sentì in cuor suo di prendere una decisione diversa da quella che aveva ponderato, prende Rubio e lo porta con sé nella sua casa in Germania.


Credits Olivia Sievers

In quel momento la tenacia e la perseveranza di Rubio fu premiata: le lunghe ore di solitudine e di attesa per lui non rappresentavano più nessuna sofferenza poiché le aveva trascorse aggrappandosi al valore di quel primo gesto d'affetto, che fino ad allora solo la sua assistente di volo gli aveva donato.


Credits Olivia Sievers