Carlie Maree conosce l'uomo che diventerà suo marito, nel 2005. Si sposano alcuni anni dopo e dal loro amore nasce una bambina che entrambi adorano.

Sono una coppia solida e felice, fino a quando in un momento di crisi il loro rapporto inizia a vacillare. La nascita della bambina ha influito sulla loro relazione, la notte non dormiva e entrambi avevano l'esigenza di lavorare per far fronte alle spese.

Un giorno, mentre era al lavoro, Carlie Maree riceve una mail, il cui oggetto era semplicemente "tuo marito".

Incuriosita la apre. Stentava a credere a ciò che vi era scritto, ma con grande forza e con il passare del tempo, lentamente si stava riprendendo dal duro colpo inflittole dall'uomo che amava e da una donna di cui lei non ne conosceva neanche l'esistenza.

Dopo un anno, da quel fatidico giorno, Carlie Maree decide di rispondere a quella che era stata l'amante di suo marito, dal quale si era nel frattempo separata.

Una lettera da donna a donna, incredibilmente e coraggiosamente onesta, nella quale Charlie Maree descrive il dolore che aveva sperimentato lei e la sua famiglia, e le devastanti conseguenze che ciò che era accaduto avevano causato.

Cara altra donna

Così esordisce Charlie, nella mail indirizzata all'amante del marito

La migliore amica di mia figlia, ha il tuo nome e questo significa che lo sento pronunciare sempre. La prima volta ho rabbrividito, ma poi con il tempo ho capito che la vita voleva ricordarmi ogni giorno che il matrimonio non è un legame scontato, ma che va nutrito continuamente senza dare mai nulla per scontato.
Loading...


credits Carlie Maree

Un anno fa, hai avuto la brillante idea di inviare una lettera  che ha avuto un effetto devastante sulla vita di molte persone. La mia, di mio marito, di entrambi, dei  nostri genitori, di mia figlia, dei nostri amici. Mi chiedo spesso cosa ti sia passato per la mente in quel momento. Per te   era una vendetta contro un uomo che ti aveva  spezzato il cuore o hai cercato solo   di fare la cosa giusta per sua moglie?  Il modo in cui hai descritto dettagliatamente quello che facevate insieme, però mi ha dato la certezza che quella lettera fosse stata scritta solamente per infliggere dolore. Come donna lo sapevi, che per una moglie ricevere una lettera del genere sarebbe stato come farla precipitare in un baratro e che avresti condotto il matrimonio a un punto senza ritorno!


credits Carlie Maree

Mi sono chiesta in effetti,  quanto  sapevi su di me. So che hai guardato il mio profilo,  che hai letto il mio blog, che hai guardato le mie foto. Mi sono domandata sempre se sapevi che il giorno che hai inviato la tua email,  intitolata ‘tuo marito.’ io ero al lavoro. Sì, questo è quello che era e tecnicamente è ancora ora è questo … mio ​​marito! Mi chiedo se oggi, fai riferimento a lui come il tuo ex ragazzo, o quale nome usi dopo l’ex. E ‘così strano per me pensare che questo uomo che conosco così intimamente, ha avuto un significato così forte, nella vita di una persona che io neanche conoscevo e che non conosco

credits Carlie Maree

Nella email, mi dicevi che avrei dovuto sapere, ma posso onestamente dire che, non sapevo nulla. Io probabilmente avrei dovuto, a volte gli e lo ho anche certamente chiesto, ma senza insistere e accontentandomi delle sue risposte.
In fondo  veramente non pensavo che sarebbe mai potuto accadere a noi. Io e lui, siamo come una solida roccia, avevo sempre pensato! Avevamo avuto una bambina da sei mesi e lui era spesso via per il lavoro. 
Naturalmente le cose erano difficili e tra noi non era più come prima, ma avevo bisogno di lui come uomo, come padre, come amico, come marito

credits Carlie Maree

A volte mi chiedo, dove fosse andata quella parte di me, che lui ha ritrovato in te. Una volta ero una bionda carina, una ragazza che portava  una gonna corta dietro il bancone del bar nel suo pub preferito. Una donna in grado di tenergli testa, ma di accendergli la passione. Dieci anni più tardi ero diventata solo una mamma che vestiva con pantaloni da yoga con la ricrescita argento e le borse sotto gli occhi dopo essere stata sveglia tutta la notte accanto a nostra figlia. 
Doveva amare molto quella versione di me, che non c’era più  e l’ha cercata in te. Questo è quello che gli hai dato, quella che una volta ero io. In un certo senso ne sono stata anche contenta. Mi sentivo male a pensarlo solo sopratutto la notte, lontano dalla sua famiglia…… Ma non era solo.

credits Carlie Maree

Era con te. Ha trascorso il suo compleanno con te e lo hai anche confortato quando gli ho comunicato che il suo cane era morto.
 Proprio come il solito e vecchio cliché, hai creduto che alla fine mi avrebbe lasciato per scegliere questo amore giovane e pieno di vita. Hai creduto che sarebbe rimasto con te  che non eri sempre nervosa, ma a differenza di quella che ero io,  sempre curata, disponibile e amorevole. Ma alla fine non l’ha fatto. 
Ti ha deluso. Si perché nel frattempo nostra figlia stava crescendo e ha iniziato a dormire la notte. Io senza sapere ancora della tua esistenza mi stavo riprendendo la mia vita, i miei spazi, stavo ritornando anche ad essere una donna, oltre che solo ed esclusivamente una mamma. Fu allora che lui ricominciò a rivedere in me la donna di cui si era innamorato. La donna con cui aveva scontri, discussioni, ma che sapeva anche ascoltarlo, guardarlo e amarlo. Non ce l’ha fatta a lasciarmi e a lasciare la sua famiglia. So che questo ti avrà fatto soffrire. È stata una sua libera scelta, io non conoscevo ancora la tua esistenza. Anche tu hai avuto  la possibilità di scegliere, potevi lasciarlo andare affinchè ricostruisse il suo matrimonio oppure far si che quel matrimonio fallisse. Hai scelto la seconda opzione.

credits Carlie Maree

Abbiamo cercato di mettere i pezzi di nuovo insieme, ma semplicemente non ha funzionato. Questa volta ero io a essere diversa, ed incredibilmente non erano le grandi cose in lui che non accettavo, ma non accettavo più le piccole cose, quelle che potevano apparire come dettagli. E’ stata dura, abbiamo dovuto ricostruirci, ho dovuto lottare con le parole con cui mi raccontavi i vostri incontri con quelle immagini che non avevo mai viste, ma che erano così forti nella mia testa. Però alla fine ce  l’abbiamo fatta e ora è tutto ok tra di noi, in un certo senso siamo più vicini che mai. Abbiamo imparato tanto l’uno l’altro attraverso tutto quello che è successo e abbiamo vissuto in questi ultimi anni. Anche se ne abbiamo passate tante e non è stato facile , abbiamo ancora l’amore e il rispetto per l’altro e tutto ciò  ha un effetto positivo, anche  sulla nostra bambina. Nessuno potrà mai rompere questo.
Spero che tu sia andata avanti nella tua vita e che abbia trovato un uomo libero da amare.
Spero che anche tu da tutta questa storia, abbia imparato una lezione e che abbia trovato anche un pò di pace dentro di te, così come l’ho trovata io.
“Carlie.”

Non è facile superare la delusione di un tradimento, non è facile reagire e rimettere insieme i pezzi di un cuore spezzato. Ma anche se la rabbia è accecante è necessario, per il proprio bene e quello dei propri figli se ce ne sono, riuscire a perdonare e lasciar andare ciò che non è possibile trattenere,