E' una storia incredibile quella avvenuta recentemente in Cile , dove un'anziana signora di 92 anni , Estela Melendez, originaria della piccola cittadina di La Boca, si è recata in ospedale in seguito a una caduta, avvertendo dolori al petto e alla pancia.

Niente di strano fino a qui, se non per il fatto che, una volta fatti alcuni accertamenti e delle radiografie, i medici hanno fatto una scoperta sorprendente: nel ventre della donna era infatti visibile un feto mummificato da ben 60 anni !

Copyright: CNN

Quello che inizialmente si era pensato essere un tumore, era in realtà un feto già ben formato che una volta morto, è rimasto nel ventre della donna per molti decenni , impedendole tra l'altro, di avere altre gravidanze .

Come è potuto accadere? 

In realtà si tratta di una sindrome  già nota fin dall'antichità, ma abbanstanza rara che consiste nella formazione, nel ventre di una donna incinta, di un lithopedion  che dal greco significa proprio bambino di pietra

La particolarità di questa sindrome, consiste nel fatto che il feto, frutto di una gravidanza problematica e costretto a crescere in un ambiente sfavorevole , muore e non può essere riassorbito dal corpo perchè il suo sviluppo è già troppo avanzato.

Accade allora che inizia pian piano ad assorbire grandi quantità di calcio che gli permettono di conservarsi perfettamente nel ventre della madre, mummificandosi .

Questa è stata una  scoperta inattesa  anche per Estela Melendez, che non sapeva di essere rimasta incinta durante la sua vita. I medici l'hanno poi rimandata a casa con delle medicine per lenire i dolori causati dalla presenza del lithopedion , che non potrà però essere asportato perché l'intervento sarebbe troppo rischioso per la donna, vista la sua età avanzata.