6 anni fa,  Ryan Grelecki e sua Moglie Cryse erano distrutti.
Il loro primo bimbo, appena venuto alla luce, si presentava così 


Children's Healthcare of Atlanta

La sofferenza era indescrivibile, il piccolo era nato con una complicata forma di  craniosinostosi - saldatura prematura di alcune suture craniche come la fontanella - e un evidente idrocefalia

L'idrocefalo , semplificato in un linguaggio comune, può essere spiegato come una presenza eccessiva di liquido all'interno della scatola cranica.


Tale fluido, detto liquor, normalmente presente in ogni cervello, in tale condizioni viene prodotto in una quantità tale da causare una compressione dei tessuti potenzialmente letale (può arrecare danni al cervello) e un allargamento smisurato della scatola cranica (processo che avviene sin quando è presente la cartilagine)


Children's Healthcare of Atlanta


I genitori erano preoccupatissimi, temevano di perdere il loro piccolo, temevano per il suo dolore, e per il suo futuro. Potrà mai avere una vita normale?

Ma essi hanno voluto  tenere duro.  Decisi a non demordere, a non abbandonare la  speranza  anche in questa situazione apparentemente disperata.


La medicina moderna, combinata a passione, sapienza e umanità dei medici come quelli dell'ospedale di Atlanta, può trattare  questi casi, la fede può aiutare a provarci, a non abbandonare le speranze.


Soli 4 giorni dopo la sua nascita, Parker ha subito un primo intervento per ridurre il fluido in eccesso, e due settimane più tardi i genitori hanno potuto portarlo a casa


Children's Healthcare of Atlanta


Non era certo finità lì, il piccolo è stato continuamente monitorato, ma i medici hanno preferito non privarlo del calore dei genitori in queste fasi molto delicate.


Anche se a livello puramente scientifico un ospedalizzazione fissa sarebbe stata una decisione opportuna, fredda ma incriticabile, si è considerato il lato umano , anche per i genitori, che altrimenti rischiavano di perderlo senza neanche poterlo abbracciare. 

A partire dall'età di 6 mesi, Parker ha iniziato una serie di complessi interventi per correggere la malformazione ossea del suo cranio e provare a consentire uno sviluppo sano del cervello

Children's Healthcare of Atlanta


Dopo ogni intervento Parker tornava un periodo a casa per crescere come un bambino normale



Children's Healthcare of Atlanta

La mamma racconta quanto la sua testa pesava troppo nei primi mesi di vita, Parker non riusciva a gattonare

Ma, grazie alla forza d'animo dei genitori che non si sono mai arresi, e alla competenza dei medici, qualche mese dopo il bimbo si è rifatto e ha imparato direttamente a camminare!


Children's Healthcare of Atlanta

Man mano che cresceva, il bimbo che per qualcuno era condannato, diventava sempre più bello



Children's Healthcare of Atlanta

Spuntarono dei bellissimi riccioli d'oro 



Children's Healthcare of Atlanta

e il suo sguardo si faceva sempre più intelligente

Non è possibile visualizzare questo media terze parti senza prima aver prestato consenso all'uso dei cookie Clicca qui per vedere il video o l'elemento multimediale incorporato

Dopo il dramma iniziavano ad accadere cose positive, tutte cose che riempivano di sollievo il cuore di mamma e papà e davano la forza a tutta la famiglia di non disperare.
La 
prova che gli era piovuta addosso era ardua e in certi momenti era apparsa inspiegabile, severa e troppo più grande di loro.Ma forse ora iniziavano a vedere un senso in tutto ciò: I sorrisi di Parker, la sua voglia di vivere.
E allora coraggio: arriva anche un fratellino!



Facebook /  Ryan Grelecki

La storia di Parker diventa nota in tutti gli Stati Uniti, e il piccolo, ormai cresciuto e divenuto un bellissimo bambino, riesce a coronare il sogno di incontrare i suoi campioni di Football preferiti


Facebook /  Ryan Grelecki


E' una star nazionale

Non è possibile visualizzare questo media terze parti senza prima aver prestato consenso all'uso dei cookie Clicca qui per vedere il video o l'elemento multimediale incorporato

La sua sfortuna si è trasformata in fortuna, tutto per il solo - ma non semplice - fatto di non essersi arresi nel momento di difficoltà

Ma Parker è non si è montato la testa, è un angelo di bimbo.
Non dimentica che nel mondo ci sono bambini che soffrono anche più di come ha sofferto lui, ed usa generosamente la notorietà raggiunta anche per aiutare i bimbi meno fortunati di lui raccogliendo fondi in numerose campagne benefiche 

Non è possibile visualizzare questo media terze parti senza prima aver prestato consenso all'uso dei cookie Clicca qui per vedere il video o l'elemento multimediale incorporato

Condividi questa storia con chi ha bisogno di capire che i momenti difficili a volte sono solo delle piccole prove da superare, dietro di essi c'è la serenità