Chi ha la fortuna di possedere un giardino, o di abitare in campagna sarà stato sicuramente testimone di storie simili a questa. Non è raro infatti che gatti o cani randagi, in cerca di qualcosa da mangiare, si avvicinino alle abitazioni con la speranza di soddisfare il proprio appetito, racimolando avanzi. Ma il racconto di questa donna ha qualcosa di singolare e per quanto possa sembrare strano, vale la pena soffermarsi a leggerlo, fosse altro per curiosità.

La donna racconta che un giorno un bellissimo cane dall'apparenza sfinita, le si avvicinò e si lasciò accarezzare.

Il suo aspetto era curato e aveva un collare, sembrava in salute e certamente aveva una casa e una famiglia che lo amava.

pixabay

Nel momento in cui si apprestava a rientrare in casa, il cane la seguì e quasi senza forze si sdraiò in un angolo cadendo addormentato.

Dopo circa un'oretta, si alzò dirigendosi verso la porta, chiedendo con lo sguardo che gli venisse aperta per andarsene.

Il giorno successivo, il cane tornò e seguendo lo stesso schema una volta entrato in casa si addormentò nel suo angoletto come il giorno precedente, e dopo essersi riposato se ne andò di nuovo.

Le visite del cane duravano già da qualche settimana, quando la donna incuriosita da quell'insolito atteggiamento decise di inserire nel collare del cane un messaggio scrivendo:

"Mi piacerebbe sapere a chi appartiene questo meraviglioso cane, perché ogni giorno viene a casa mia a schiacciare un pisolino"

pixabay

Il giorno successivo, quando il suo 'ospite' a quattro zampe tornò, la donna guardò nel suo collare e trovò un breve messaggio di risposta e aprendolo, entusiasta di conoscere la verità, fece una divertente scoperta: "Vive in una casa dove abitano sei bambini piccoli, due dei quali hanno meno di tre anni. Cerca solo di recuperare un po' di sonno, Posso farlo tornare anche domani?"

I bambini sono certo una grande gioia, ma i più piccoli assorbono moltissime energie e a fine giornata non solo i genitori sono esausti, ma anche i nostri amici a quattro zampe! 

Condividete questa storia con i vostri amici per farli sorridere!