Steve Mershon ha la fortuna di vivere in Florida e di recarsi ogni mattina in spiaggia, ma quello che gli è capitato di trovare  in occasione di una delle sue passeggiate all'alba l'ha sorpreso ed emozionato.

Non è possibile visualizzare questo media terze parti senza prima aver prestato consenso all'uso dei cookie Clicca qui per vedere il video o l'elemento multimediale incorporato

Era un messaggio in bottiglia arrivato dall'oceano, con una lettera scritta da un bambino dell'età di 10 o 11 anni, Jonathon Torres, all'amico Daniel, che si può immaginare dalle parole contenute nel messaggio, essere da poco venuto a mancare, molto prematuramente.


Non è possibile visualizzare questo media terze parti senza prima aver prestato consenso all'uso dei cookie Clicca qui per vedere il video o l'elemento multimediale incorporato

"Mi dispiace molto che non sei qui con me a giocare a baseball insieme a Matthew, Oscar e Brandon. Non posso dimenticare che tu eri il mio migliore amico e la nostra canzone favorita era Austin Moon, ma spero che tu possa divertirti insieme a Gesù".

Steve ha deciso di condividere la storia su Facebook, a sua volta mandando un messaggio al piccolo Jonathon. 

"Mi dispiace per la tua perdita, e ogni volta che sei sul monte di lancio pensa che il tuo amico ti sta guardando dal cielo insieme a Gesù. Forse il tuo prossimo successo sportivo lo potrai dedicare a Daniel." 

Pur ritenendo che il ritrovamento della bottiglia è "la cosa più bella che ho trovato in spiaggia arrivata dall'oceano" , Steve ha deciso, oltre naturalmente a condividere la commovente storia su Facebook, di restituire la bottiglia (e il suo messaggio) in mare. 


"Appena mi troverò su una nave in un mare limpido e profondo, lancerò la bottiglia in mare, dove è giusto che ritorni".

Non è da tutti i giorni trovare un messaggio in bottiglia, soprattutto uno così commovente.
Come ha scritto Steve, "amore e sofferenza sono emozioni forti che ci legano profondamente. Spero che anche in futuro la spiaggia mi sveli altri gioielli simili"

Anche noi Steve, anche noi lo speriamo.