Pensavate di aver visto tutto? La latte-art ormai vi sembrava già una cosa trita e ritrita? Ebbene invece non avete ancora visto nulla! La creatività dell'uomo volenteroso non ha limiti, questa volta la novità arriva dal Giappone, dove si sono inventati il Latte-Motion, ovvero la realizzazione di un video animato con la tecnica dello stop-motion applicata alla latte-art. Tanto semplice quanto affascinante, lo stop-motion è infatti una tecnica video che richiede manualità e capacità di astrazione: ben 1000 tazze di latte art (spolverate di cacao) sono state realizzate per questo video, tutte con disegni preparati a mano, i fotogrammi dell'animazione derivano tutti dalle riprese delle tazze reali, nessun artwork è stato realizzato con effetti al computer, sono tutti oggetti reali, come viene mostrato nel backstage del video visionabile dopo il minuto 1.30, dopo la scritta finale "Latte warms the world", "Il latte riscalda il mondo".Approposito avete notato che "Latte" è un'altra parola Italiana diventata internazionale? Eh già, anche il Latte è roba nostra, è al pari di Pizza e Pasta, proprio grazie alla moda della latte-art questa parola ha preso piede anche in USA, e nel resto del mondo, eppure la concorrenzza non era esigua: la parola inglese Milk è infatti altrettanto dolce e accattivante, molto vendibile, ma tutti hanno preferito omaggiare l'Italianità e la dolcezza della parola Latte, d'altronde i maestri del cappuccino & co. siamo noi!. Quindi c'è anche un po' di Italia in ogni latte-art!
Ma ritorniamo alla morale con la quale vi presentiamo queste novità, e cioè il valore della creatività e dell'innovazione in antitesi alla banalità e alla tendenza all'annoiarsi: l'assenza di stimoli che uccide, spegne e rende ignoranti va combattuta ricordandosi che quando pensavamo di "aver già visto tutto" in realtà poi c'è sempre qualcuno che ci dimostra che si può inventare ancora qualcosa di nuovo. E' il miracolo della vita, dobbiamo aver fiducia in esso e cercare sempre di essere creativi e produttivi, dobbiamo ricordarci di "non mollare mai", perchè tutto è possibile. Per parafrasare papa Francesco nel saggio "Speranza": la creatività nasce proprio dalla speranza, dalla consapevolezza che "ciò che vedi non è tutto ciò che c'è", la creatività è accettare la sfida di credere che non ci sia un unico cammino possibile, ma ricordarsi  che c'è sempre dell'altro, c'è sempre un'altra possibilità!