Per andare in aeroporto, per rientrare a casa… ad ognuno di noi è certamente capitato di utilizzare un taxi. Di sicuro nessuno dei nostri taxi è, però, come quello di cui vorrei parlarvi oggi!

Difatti, questo particolare taxi è conosciuto con il nome di “Ultimate Taxi” e sta facendo parlare di sé tutto il mondo: di sicuro il suo ideatore si è impegnato moltissimo al fine di rendere il semplice viaggio dei suoi clienti una nuova e spettacolare esperienza.

Come? Jon Barnes ha pensato di rendere il suo taxi del 1978 un po’ più divertente rispetto a quelli comuni: l’auto, con ben 541.061 miglia sul contachilometri, è stata modificata applicando tantissime luci colorate, laser, led, una luccicante palla da discoteca, una macchina spara neve, una tastiera, un amplificatore, un computer, una fotocamera…

L’obiettivo del signor Barnes è quello di rendere unico un attimo di vita che può essere immortalato con foto e video; vorrebbe far conoscere la città in cui vive che è Aspen (in Colorado) permettendo ai suoi turisti di godersi il panorama tramite un giro di 45 minuti a bordo del  suo taxi luminoso. Ma non sono solo luci gli oggetti che terranno compagnia ai fortunati viaggiatori, infatti, Jon si esibirà durante il viaggio suonando la tastiera e facendo dei simpatici trucchetti di magia.

Il tassista desidererebbe, con il denaro raccolto, creare un altro taxi in modo da poter mandare in pensione quello attuale date l’età e le condizioni precarie. Tanti sono stati i viaggiatori noti che hanno preso parte all’avventura su quattro ruote tra atleti, cantanti ed attori; tra loro spiccano lo sceneggiatore George Lucas ed il batterista dei Beatles Ringo Starr.

Ultimate Taxi è talmente noto ormai che ha una pagina Facebook https://www.facebook.com/ultimatetaxi ed un sito  dove trovare foto, video ed informazioni di vario genere http://www.ultimatetaxi.com/car/index.html.

Cosa ne pensate? Fareste un bel giro su questo taxi? Io coglierei l’opportunità al volo! J

Non è possibile visualizzare questo media terze parti senza prima aver prestato consenso all'uso dei cookie Clicca qui per vedere il video o l'elemento multimediale incorporato