Il discorso di fine anno questa volta non lo fa il Presidente della Repubblica, bensì i bambini ! È questa l'idea messa in atto dal gruppo di videomaker The Jackal, che ha deciso di dar voce ai bimbi per questo ultimo dell'anno. Sogni , desideri , speranze ... ognuno dice la sua. E c'è posto per qualsiasi cosa, perché gli auguri sono rivolti proprio a tutti, persino a bambole e tartarughe!

Poi c'è chi si lamenta della cugina che tira i capelli e chi tratta temi più internazionali come gli attentai di Parigi : “ È una cosa che solo in un film si potrebbe fare, ma no veramente!”.

Infine i desideri : c'è chi desidera imparare meglio l'italiano, chi vorrebbe che i genitori avessero più tempo per giocare, chi vuole prendere un bel voto a scuola e chi spera che il papà smetta di fumare.

E il messaggio finale non è altro che una nota di speranza : “Sono certa che se ci impegniamo, l’anno prossimo sarà bellissimo!”, e ancora, “Se tutti facessero la propria parte il mondo sarebbe migliore”. E come dar loro torto?.

 

Non è possibile visualizzare questo media terze parti senza prima aver prestato consenso all'uso dei cookie Clicca qui per vedere il video o l'elemento multimediale incorporato